Tonno adulterato con la lana

QUESTA NEWS CHE GIRA IN RETE E’ DISINFORMAZIONE LO DICE BUFALE.NET

Navigando in rete ci si imbatte in tanti video dove viene raccontato di come il tonno in scatoletta al naturale viene spesso adulterato, inserendo del tessuto all’interno proprio delle stette. La maggior parte delle fonti di questi video sono tutte asiatiche e la storia pare che non avesse alcuna origine italiana. Poi però sembrerebbe che nelle ultime settimane, questi video siano iniziati a circolare sempre più insistentemente, tanto che alcuni utenti hanno sollevato la questione cercando di fare chiarezza. Il messaggio con cui la foto è stata diffusa riporta “Il tonno al naturale di questa marca contiene la lana”. Il marchio sembra essere molto famoso nel nostro paese e lo si trova davvero in tutti i supermercati. E’ facile capire come il danno d’immagine sia davvero piuttosto serio, a maggior ragione del fatto che i video stanno iniziando a girare non soltanto sul web, ma anche su WhatsApp, per cui non è facile capire il livello di diffusione.

Ma davvero si utilizza la lana per adulterare il tonno? La domanda che si pongono la maggior parte degli utenti è proprio questa. Sembra che però quella che si vede in foto non è lana, ma soltanto del tonno al naturale ed effettivamente chi conosce bene l’aspetto di quest’ultimo, capisce bene che l’aspetto è praticamente lo stesso ed è proprio dovuto alla cottura a cui il pesce è sottoposto. Quindi più alta è la temperatura con la quale i tonni vengono cotti, meno acqua ci sarà e quindi maggiore sarà l’effetto Fibra, ma si tratta comunque di tonno e non di lana.

Tonno adulterato con la lana, perchè è così dannosa la bufala?

Si tratta quindi di una bufala e nello specifico di una bufala più grossa e dannosa perché chi l’ha fatta partire con il primo video avrebbe preso una marca sconosciuto di tonno asiatiche e poi man mano sono state toccate delle aziende piuttosto famose e note, anche italiane, che si trovano in qualsiasi tipo di supermercato e nel nostro paese.

Chi ha ideato il video sembra che non rischi nulla, perché ha utilizzato una marca di tonno asiatica ma tutti coloro che sono venuti a conoscenza di ciò, hanno preso una semplice scatoletta nostrana, verificando che effettivamente l’aspetto sia uguale. Quindi chi ha ideato il video sostanzialmente non rischia nulla, mentre chi ci è cascato potrebbe vedere recapitarsi a casa proprio una denuncia per diffamazione.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *