Nigeriano arrostisce un cane, il banchetto al centro migranti che ha indignato tutti

Questa news che gira in rete è classificata disinformazione lo dice bufale.net

Una vecchia notizia risalente al 2018, sembra essere tornata alla ribalta in questi giorni e nello specifico dopo che lo scorso 16 febbraio 2019 Il Giornale ha pubblicato un articolo che è stato condiviso poi sui social network divenendo una notizia piuttosto virale. Questa riguarderebbe un nigeriano il quale avrebbe arrostito un cane per poi banchettare insieme agli altri migranti, presso un centro di accoglienza. Ma cosa c’è di vero in questa notizia? Il Giornale scriveva come presso questo centro di accoglienza di Briatico Vibo Valentia Calabria, il nigeriano in questione sarebbe stato poi raggiunto dai Carabinieri sulla base di una segnalazione di una volontaria, dopo che quest’ultima pare avesse visto il migrante di circa 29 anni, mentre arrostiva un cane. I militari sono accorsi sul posto ed hanno ascoltato l’uomo, il quale avrebbe dichiarato di non averlo ucciso ma di averlo trovato già un morto per strada e di aver pensato bene di arrostirlo e mangiarlo insieme agli altri migranti.

Il Giornale citerebbe come fonte Il Quotidiano del Sud, riportando questa notizia secondo cui il nigeriano avrebbe voluto banchettare insieme ad altri ospiti del centro accoglienza. Tuttavia nonostante si possa trattare di una notizia che ha della verità, sarebbero state però riportate in modo errato sia da Il giornale che dal Quotidiano del Sud. Secondo quanto emerso da un articolo pubblicato il 15 febbraio 2018, il nigeriano in questione pare soffrisse tipi di disturbi mentali per cui è stato reso necessario un ricovero con t s o.

Pare che fosse anche vero il fatto che il migrante avesse trovato il cane già morto e avrebbe poi tentato di portarlo all’interno del centro di accoglienza per poterlo consumare, ma da solo e non in compagnia degli altri ospiti . Ci sarebbero altre informazioni sul migrante in questione e nello specifico sembrerebbe che questo fosse stato ospitato presso il Centro di accoglienza di costabella e li pare che già avesse manifestato  segni di squilibrio quando aveva tentato di gettarsi sotto le auto che transitavano lungo la provinciale 522. Dopo quanto accaduto poi l’uomo sarebbe stato trasferito e ricoverato presso un’altra struttura che si trova a Nicotera.

Perché si parla però di disinformazione?

Le testate giornalistiche di cui sopra abbiamo parlato, sembrerebbe che abbiamo lanciato una notizia che ha un fondo di verità, ma che comunque è orientata a informare in modo errato su quanto effettivamente accaduto. Le testate giornalistiche infatti insistono nel parlare di un banchetto magrabo che si sarebbe svolto tra migranti, pronti a gustare la carne di un cane ucciso e mangiato proprio davanti la struttura. Come abbiamo visto però, da una stampa locale questo episodio avrebbe riguardato soltanto un uomo nello specifico con problemi psichiatrici e non avrebbe interessato a nessun altro ospite della struttura.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *