Zampicure, con tanto di smalto per cani e gatti. Ecco l’ultima follia umana

Se pensavate di averle viste tutte dopo allora ecco un valido motivo per ricredervi: si chiama zampicure ed è l’ultima follia umana. In cosa consiste? Qualcosa di veramente strano e fuori luogo, come ben sa chi conosce bene gli animali, un trattamento per le unghie di cani e gatti. Smalti, perline, decorazioni: una follia tutta umana che sta diventando una vera e propria abitudine. Quello della nail art per cani e gatti non è proprio una novità dell’ultima ora. La moda è esplosa già qualche anno fa nel Regno Unito e purtroppo è diventata un vero e proprio business. Oggi infatti le foto che ritraggono animali con le unghie dipintesono molto diffuse sui social come Facebook, Twitter e Instagram.

Gli animali vengono sottoposti a lunghe sedute “di bellezza” che provocano inevitabilmente stress. Molti animali, soprattutto i soggetti più sensibili, non amano affatto che le loro zampe vengano toccate. Ma questo non è l’unico aspetto che indigna. Va anche detto che molti dei prodotti utilizzati sono pericolosi per la salute gli animali, che possono inalare o ingerire sostanze come dibutilftalato (DBP), toluene e formaldeide. 

Già nel 2017 Sean Wensley, vicepresidente della British Veterinary Association, aveva condannato questa pratica inaccettabile, dichiarando che gli animali domestici non sono accessori di moda. Lo stesso Wensley aveva anche evidenziato la pericolosità di questi trattamenti precisando che i prodotti utilizzati possono essere tossici per gli animali. Inoltre, in particolare nel caso dei gatti, l’applicazione dello smalto può impedire agli animali di ritrarre gli artigli, provocando loro angoscia e dolore.

Non è la prima follia di chi, in nome di un bene che corrisponde a uno sfogo egoistico, tende ad umanizzare gli animali sottoponendoli a torture. Pochi anni fa aveva fatto discutere un hotel a cinque stelle per cani inaugurato a Singapore. Suite con aria condizionata, terme e pasti da gourmet in 401 metri quadri da sogno, nell’antico quartiere diplomatico di stile coloniale. L’hotel, che può ospitare anche gatti, costa fino a 271 $ a notte per tre cani ospitati nella stessa stanza, dove non mancano letti ortopedici in pelle.

Nel tempo libero, oltre ai corsi di nuoto, i clienti a quattro zampe possono fare quattro passi nel giardino artificiale o sul tapis roulant, oppure rilassarsi con i trattamenti di bellezza a base di aromaterapia. Nella ricca Singapore ci sono oltre 250 negozi per animali e il mercato del lusso indirizzato a cani e gatti è in crescita. La follia pure.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *