Vittorio Feltri contro il Commissario Montalbano: “L’unica consolazione sarà non vederlo più in tv”

Sono giorni di attesa per quanto è successo ad Andrea Camilleri ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale Santo spirito di Roma. A far discutere in queste ore è Vittorio Feltri che si è scagliato contro il Commissario Montalbano.

Andrea Camilleri in gravi condizioni

Andrea Camilleri nei giorni scorsi è stato trasportato in gravissime condizioni all’ospedale Santo Spirito di Roma. L’ultimo bollettino medico reso noto alla stampa ha fatto sapere: “Dall’ultimo bollettino medico delle 17 di ieri, non si sono verificate variazioni significative delle condizioni cliniche – si legge nel bollettino della Asl Roma 1 – che permangono critiche. Continua il monitoraggio, il supporto intensivo delle funzioni vitali e il percorso diagnostico-terapeutico programmato“. Nel documento è possibile leggera anche: “La forte fibra del paziente ci sta consentendo di proseguire come programmato l’iter diagnostico-terapeutico, con l’intento di supportare e stabilizzare la funzione degli organi vitali“. Ma a far discutere adesso sono le dichiarazioni rilasciate da Vittorio Feltri, direttore di Libero.

Vittorio Feltri contro il Commissario Montalbano

Nei suoi anni di onorata carriera Vittorio Feltri è sempre stato un giornalista pronto a dire la sua opinione anche andando contro gli schemi e la sensibilità altrui. La cosa si è ripetuta anche oggi dopo la pubblicazione di alcune news che lo riguardano circa alcune dichiarazioni rilasciate ai microfoni del programma di Rai Radio 2 ‘I Lunatici‘. Il giornalista ha puntato il dito contro il commissario Montalbano. La sua intervista è cominciata parlando dell’autore dichiarando: “Andrea Camilleri? Non l’ho mai conosciuto, però è chiaro che la sua capacità di applicare criteri matematici ai suoi racconti mi ha sempre sorpreso e ne sono ammirato. Mi dispiace, quando un uomo vecchio muore c’è sempre un certo dolore“. Durante l’intervista ha continuato dicendo: “Però mi consolerò pensando che Montalbano non mi romperà più coglioni. Basta, mi ha stancato“. Lo stesso concetto viene ribadito anche nel suo editoriale con la seguente frase: “Finalmente non vedremo più in televisione Montalbano, un terrone che ci ha rotto i coglioni“, riportata anche da Fanpage.

“Non è il massimo della simpatia”

Vittorio Feltri nel corso della sua intervista ai microfoni di Rai Radio 2 ha continuato spiegando il motivo per cui non gli piace il Commissario Montalbano: “Poi quando vedo Montalbano mi viene in mente l’altro Zingaretti, che non è il massimo della simpatia“. Il giornalista e direttore di Libero ha continuato dicendo: “Questa comunque è un’opinione personale e scherzosa, in me Camilleri suscita ammirazione, è un grande scrittore, e bisogna ricordare che la lingua italiana è nata in Sicilia, solo dopo abbiamo adottato quella Toscana. E i siciliani parlano meglio di qualunque altro italiano. E scrivono meglio degli altri italiani”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *