Pakistano molesta una tredicenne in spiaggia: l’uomo rischia di essere linciato dai presenti

Pakistano molesta una tredicenne in spiaggia: l'uomo rischia di essere linciato dai presenti

Nel corso delle ultime ore è stata diffusa la notizia secondo cui un uomo pakistano, nei pressi di Bari, ha rischiato il linciaggio dopo aver molestato una tredicenne in spiaggia.

Violenza sessuale su minore

Il mese di giugno 2019 è stato animato da diversi casi riguardanti violenze sessuali messe in atto sul minori. In particolar modo ha fatto parecchio discutere il caso di un uomo milanese che ha ricattato tre ragazzine di età compresa tra gli 11 e i 13 anni, questo si è finto una loro coetanea su WhatsApp minacciando le pur di avere dei rapporti con loro che poi venivano filmati. Un nuovo caso di abuso su minore si è verificato a Bari dove un uomo pakistano ha importunato una tredicenne in spiaggia.

Pakistano volesse una tredicenne in spiaggia

Come abbiamo anticipato all’inizio del nostro articolo, nel corso delle ultime ore è stata diffusa la notizia secondo cui un uomo pakistano ha molestato una tredicenne in spiaggia nello stabilimento Pane e Pomodoro, nei pressi di Bari. Secondo quanto reso noto da il primatonazionale.it sembrerebbe che la ragazzina sia stata attirata da un branco, che ha messo poi in atto le proprie angherie sessuali nei suoi confronti. I ragazzi in questione hanno creato un problema di ordine pubblico in spiaggia a quel punto, secondo il racconto fornito dal padre, i molestatori si sarebbero avvicinati alla figlia palpeggiando la e infilando le mani sotto il costume. La tredicenne ha cercato di sottrarsi alla violenza urlando tanto che questi impauriti si sono dati alla fuga.

Uomo rischia il linciaggio in spiaggia

Le urla della tredicenne hanno fatto sì che le persone vicino a lei si accorgessero dell’accaduto avvicinandosi. Nel gruppo di molestatori che aveva abusato della ragazza sarebbe stato presente un ventitreenne di origini pakistane, incensurato è regolare nella nostra nazione. Attorno alla ragazza si è subito è radunata una folla di persone che hanno cominciato a spintonarlo e minacciarlo, rischiando davvero linciaggio. A sedare la situazione è stata una volante della polizia che ha subito fermato il ragazzo pakistano, mentre i genitori della tredicenne spiegavano i motivi della rivolta e quanto successo poco prima che gli agenti si presentassero nel luogo dell’accaduto. Il giovane di 23 anni in un primo momento si è subito adesso estranea ai fatti, rifiutandosi di fornire le sue generalità e quelle dei suoi compagni. Subito dopo però è stata formalizzata nei suoi confronti la denuncia per violenza sessuale nei confronti della tredicenne.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *