Mangia al ristorante stellato e muore poco dopo, nel piatto servito fungo velenoso

Una donna di 46 anni è morta dopo essere stata ricoverata in ospedale per una intossicazione da funghi. La cosa incredibile è che la donna aveva consumato un piatto a base di funghi presso un locale stellato Michelin di Valencia in Spagna. La protagonista di questa storia si chiamava Maria Jesus Fernandez Calvo e pare che si trovasse in questo lussuoso ristorante in compagnia del marito e del figlio di 10 anni, quando improvvisamente ha avvertito un malore e nello specifico ha iniziato a vomitare e ad avere diarrea. Con il passare dei minuti purtroppo le condizioni di salute della donna si erano talmente tanto aggravate che è stato necessario il ricovero d’urgenza in ospedale, dove poi la donna è morta il giorno successivo. Anche il marito e il figlio avrebbero accusato dei valori e sono finiti in ospedale insieme anche ad altre 9 persone che pare avessero consumato lo stesso piatto.

Un momento di festa per la famiglia inizia è trasformata in una vera e propria tragedia. La vittima insieme al marito e il figlio stavano festeggiando proprio il compleanno del capofamiglia e avevano deciso di andare a pranzare nel famoso ristorante Riff, che è uno dei più costosi e noti per la cucina sperimentale. Stando a quanto riferito questo locale pare si trova in una delle zone più eleganti della città ed è stato anche insignito per divertiti riconoscimenti molto importanti tra cui proprio la stella Michelin e due soli Repsol, che per chi non lo sapesse è una guida ai ristoranti molto importante e famosa.

A quanto pare il colpevole è un fungo chiamato morchella che si può consumare ma soltanto dopo una cottura molto lunga. Per chi non lo sapesse questo è un genere appartenente alla famiglia delle Morchellace e si tratta di funghi che sono come le spugne. Sono descritte in ben 15 specie tra cui sei che si trovano soltanto in Europa e la cui differenziazione sembra essere piuttosto incerta. Tutte le specie ad ogni modo possono essere consumate soltanto dopo la bollitura e sono velenose da crude perché la tossina in essi contenuta e conosciuta come acido elvellico, si può distruggere soltanto attraverso la bollitura oppure l’essiccazione. Esiste anche la falsa spugnola, ovvero la gyromitra esculenta, che somiglia tanto alla morchella ma è molto più velenosa. Al momento questo fungo è stato tolto dal mercato per via di alcune pericolose intossicazioni dovute alla sua ingestione.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *