Denunciato finto Messi che ha fatto sesso con 23 donne

Reza Parastesh nei guai! Il sosia iraniano di Messi sarebbe stato denunciato per avere fatto sesso con ben 23 donne. L’uomo ha lanciato un messaggio sui social al fine di raccontare la sua verità.

Reza Parastesh: il sosia della Pulce

In questi ultimi giorni ha fatto parecchio discutere il caso relativo alla sosia della Pulce, ovvero Leo Messi. Nome in questione si chiama Reza Parastesh e ha costruito la sua notorietà proprio sulla somiglianza con il calciatore. Secondo quanto reso noto dalla stampa internazionale però ecco che l’uomo si trova al centro di un caso mediatico che potrebbe metterlo davvero nei guai. Reza, infatti, potrebbe aver approfittato della sua notorietà per conquistare delle donne. A raccontare quanto accaduto è stato lo stesso Reza Parastesh attraverso o suoi canali social.

Sosia di Leo Messi accusato di aver fatto sesso con 23 donne

A lanciare la notizia è stato il magazine Confused Aatma, secondo cui Reza Parastesh avrebbe approfittato della sua notorietà e somiglianza a Messi per conquistare delle donne. L’uomo in questione, dunque, sarebbe riuscito a sedurre 23 donne con le quali avrebbe avuto anche dei rapporti sessuali. A commentare il tutto è stato lo stesso Reza Parastesh che in un posto pubblicato nelle sue pagine social parla di fake news che stanno danneggiando la sua immagine. In particolar modo, Reza affermato di essere completamente estraneo ai fatti. In un video il ragazzo afferma: “Sui social media si è propagata una notizia terribile. Per favore non giocate con la reputazione e la credibilità della gente“. Il ragazzo dunque ha parlato di un evidente danno alla sua immagine dopo essere stato accusato di un reato che dunque non avrebbe assolutamente commesso.

“Ci ho provato tante volte”

Il ragazzo si mostra disperato su Instagram affermando che quello di cui viene accusato non è assolutamente vero, tanto che nel video pubblicato continua dicendo: “Se la notizia fosse stata vera sarei già in prigione, credetemi. Adesso farò di tutto per combattere attraverso vie legali chi infanga il mio nome“. Il giovane Reza Parastesh, dunque, ha paura che la sua immagine venga compromessa dall’accusa, non riuscendo così a realizzare più i suoi sogni oltre che a continuare liberamente a fare il suo lavoro.
Ad ogni modo, nonostante tutto, il giovane spera ancora di poter incontrare Leo Messi: “Il mio sogno è incontrare il vero Messi, ci ho provato tante volte ma spero un giorno di riuscirci. Penso che abbia sentito parlare di me“.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *