Sesso kinky: cos’è e quali sono i benefici

Si chiama sesso kinky ed è una tipologia di attività sessuale non convenzionale che comprende pratiche e giochi erotici estremi come il sadomaso, il bondage, il dominio e la sottomissione. Anche se è diventato molto conosciuto dopo il successo di “50 sfumature di grigio“, la verità è che è sempre esistito, in Italia ad esempio viene praticato regolarmente da 4,5 milioni di persone. Il film, dunque, avrebbe contribuito semplicemente ad abbattere i tabù e a sdoganare il sesso estremo. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul sesso kinky, dai benefici alle differenze con il sesso vanilla.

Le differenze tra sesso kinky e sesso vanilla

Il sesso kinky è quello in stile “50 sfumature di grigio”, ovvero quello convenzionalmente considerato estremo che comprende feticismi, giochi di dominio e sottomissioneBDSM e l’uso di sex toys. Tra cinghie, corde, frustini, sculacciate, museruole, padroni e schiavi, l’obiettivo è provare esperienze intense e forti andando oltre le classiche posizioni del kamasutra, lasciandosi andare a bondage, giochi di ruolo, sadomaso e tutto ciò che riesce a creare complicità mentale oltre che fisica. Non a caso viene contrapposto al cosiddetto “sesso vanilla“, ovvero il sesso base e tradizionale definito in questo modo perché sarebbe come il gusto vaniglia, considerato la base di molti altri gusti di gelato. Il sesso kinky riuscirebbe a far provare un piacere molto più profondo poiché sarebbe capace di aprire la mente, facendo accedere senza inibizioni a fantasie ed emozioni solitamente nascoste per imbarazzo.

I benefici del sesso kinky

Anche se di solito il sesso kinky viene associato a pratiche aggressive e ai limiti del pericolo, la verità è che si tratta di un’esperienza benefica sia per il corpo che per la mente. Non solo questa forma di intimità estrema porta a un piacere molto più intenso ma apre anche la mente, estendendo i propri orizzonti sessuali. Ecco quali sono i benefici del sesso kinky:

  • Attiva nuove connessioni cerebrali – Il sesso kinky per convenzione viene considerato rischioso e proibito ed è per questo che aumenta il piacere, accostando orgasmo e dolore. Nel cervello queste due aree distano solo di pochi millimetri e quando si sperimentano queste esperienze si vengono facilmente a creare nuove connessioni cerebrali. E’ come se si ampliassero i confini sessuali poiché due sensazioni solitamente considerate opposte sconfinano e si contaminano.
  • Permette di raggiungere un orgasmo intenso – Il sesso kinky implica una totale fiducia nel partner, al quale si affida completamente il proprio piacere. E’ proprio per questo che comporta una sensazione travolgente, di mancamento, di estasi, che il più delle volte sfocia in intensi orgasmi multipli. A lungo andare, però, si avrà bisogno di stimolazioni sempre più intense e prolungate per raggiungere l’apice, visto che il proprio bagaglio erotico diventerà sempre più complesso.
  • Si conoscono meglio le proprie zone erogene – Il sesso kinky sottintende la sperimentazione, dunque delle più profonde esplorazioni del proprio corpo che permettono di conoscere delle zone erogene nuove di cui prima non si conosceva neppure l’esistenza. Grazie alle dinamiche di potere, questa forma di sessualità aiuta ad avere maggiore consapevolezza di se stessi e delle proprie fantasie erotiche.
  • Combatte la monotonia nel sesso – I giochi di ruolo, il sadomaso e il BDSM sono tutte esperienze erotiche estremamente variegate, a differenza del sesso vanilla danno la possibilità di combattere la routine, provando giorno dopo giorno qualcosa di diverso, di intenso e piacevole. Come se non bastasse, riescono a creare all’interno della coppia fiducia, intimità, complicità e comunicazione, tutte cose che contribuiscono al funzionamento di un rapporto.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *