Vittorio Sgarbi trova casa Morgan e chiede l’intervento del Governo

Vittorio Sgarbi trova casa Morgan e chiede l'intervento del Governo

Continua a tenere banco nel mondo del gossip il caso relativo allo sfratto di Morgan. A parlare di quanto accaduto è stato Vittorio Sgarbi il quale gli ha trovato un posto dove vivere e chiede l’intervento da parte del Governo. Il perché di quanto detto è davvero molto semplice, dato che si tratterebbe della cura e conservazione del patrimonio artistico musicale italiano.

Morgan sfrattato da casa

Le cose degli ultimi giorni sono stati tantissimi i personaggi del mondo dello spettacolo che hanno avuto modo di esprimere la loro opinione sul caso di Morgan sfrattato da casa, a seguito di un provvedimento emesso dal tribunale di Brescia nato da un’istanza presentata da Asia Argento che ha chiesto di essere risarcita per via del mancato versamento degli alimenti alla figlia Anna Lou.
Simona Ventura, nonché amica del cantante, ha manifestato tutta la sua solidarietà, affermando di essere dispiaciuta per quanto accaduto. Ma il tutto non finisce qui.

Vittorio Sgarbi trova casa Morgan

In occasione di una delle ultime puntate di Live-Non è la D’Urso uno dei Cugini di Campagna si è risposto affermando di essere disponibile a cedere momentaneamente una delle sue case all’artista, ospitando la finché non trovasse una soluzione consona. A intervenire sulla questione è stato anche Vittorio Sgarbi che ha trovato casa per Morgan dopo l’avvenuto sfratto è secondo quanto riportato dal Messaggero ha dichiarato: “Ho impartito le necessarie direttive ai miei uffici perché, almeno fino alla scadenza del mio mandato, tra 4 anni, Palazzo Savorelli possa ospitare lo studio di Morgan. Qui potrà trasferirsi già nei prossimi giorni. L’arte e la creatività vanno sostenute in maniera concreta. Qui Morgan potrà insegnare il suo magistero ai giovani sensibili alla musica“.

“Quella casa è un museo”

Vittorio Sgarbi ha un’idea ben precisa della casa che è stata sequestrata a Morgan, per la quale ha chiesto l’intervento da parte del Governo affinché apponga un vincolo senza farla andare all’asta. Il motivo di tutto ciò è molto semplice e lo spero lo stesso Vittorio Sgarbi: “Quella di Morgan è una casa museo. C’è di tutto: dai suoi strumenti musicali alle bobine con le registrazioni di ore di concerti e sessioni musicali con altri artisti“. Sgarbi poi conclude dicendo: “E poi libri, cimeli della storia della musica italiana e internazionale di artisti come Lennon o Byrne, vestiti, dischi, Cd, film e migliaia di libri. Chiederò ai miei colleghi parlamentari di sottoscrivere una mozione che impegni il Governo ad agire, presto, in questa direzione“.

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *