Wanda Nara dà l’ultima spallata definitiva fra la crisi dell’Inter e suo marito

Cè chi la definisce una dark lady. In ogni caso nella crisi tra Mauro leardi e l’inter il ruolo di Wanda Nara – moglie e procuratrice del bomber argentino – è cruciale. L’ultimo atto di questa telenovela sudamericana in salsa milanese arriva a fine campionato e alla vigilia del ritiro estivo a Lugano: qui, se non sarà ceduto prima, l’attaccante sarà convocato e dovrà (sia pure a malincuore) seguire la squadra.

La vicenda si può sintetizzare così: l’Inter vorrebbe liberarsi di leardi prima della partenza per la Svizzera e la Nara sta lavorando perché la cessione – se ci deve essere – sia il più vantaggiosa possibile per suo marito (e per lei). Quando ha parlato con il neo allenatore del club Antonio Conte, subentrato a Luciano Spal- letti quando la frattura tra attaccante e società era dichiarata, Wanda ha lanciato la bomba: «Lasciate libero mio marito», avrebbe detto. «Lui vuole restare», pare che abbia aggiunto la signora. «Se però la squadra lo considera un peso se ne liberi consentendogli di andarsene senza che il nuovo club debba pagarlo all’Inter».

Una proposta irricevibile per la società e che permetterebbe al campione di chiedere più soldi al nuovo club. Lei, a dirla tutta, non ha alcuna intenzione di lasciare Milano, il superattico con piscina e la residenza a Porta Nuova appena comprata. Tutto questo, secondo i detrattori, sarebbe solo teatro, come le proposte che sarebbero arrivate a leardi dall’estero: Wanda vedrebbe bene il marito con la maglia della Juventus, a Torino, così non si allontanerebbe troppo da Milano né sarebbe costretta a sradicare i bambini e a modificare i suoi impegni di lavoro. Oltretutto, a parte le voci di una proposta da parte della Juventus, l’Inter non ha ricevuto alcuna offerta ufficia le. E, in ogni caso, anche se non considera più leardi indispensabile per la squadra, non vuol certo lasciar andare un capitale di milioni di euro in cambio di niente.
Intanto Maurito non si e- sprime e lascia parlare la sua signora e procuratrice, «l’unica che non ha interesse a fare soldi alle mie spalle». Tanto resta tutto in famiglia…

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *