Cartello shock in un consultorio, per visita ginecologica “Indossate gonna e calze autoreggenti”

Si è letteralmente scatenato il caos per una cartello che è apparso fisso alla porta di un consultorio di Gallipoli. Si tratta di un cartello alquanto discutibile perché con la scritta “Chi deve fare la visita dal ginecologo indossasse gonna e calze autoreggenti”. In molti sono rimasti piuttosto stupiti e senza parole davanti a questo tipo di messaggio e ad alcuni sembra che abbia dato davvero molto fastidio.

Molti si sono soffermati a fare una fotografia e postarlo su Facebook e ovviamente da lì è nata una bufera, tanto che è dovuto intervenire il direttore generale di Lecce, Vado Mellone che ha posto le sue scuse ed ha deciso di rimuovere il cartello, ma ha detto anche la sua. Ad affiggere questo cartello effettivamente è stata una ginecologa ovvero la dottoressa Bruna Scarcia, che infastidita ha spiegato le motivazioni che l’hanno spinta proprio a compiere questo gesto.

“È semplicemente assurdo insinuare che un medico, un medico donna, di 62 anni abbia voluto lanciare un messaggio ‘erotico’, ho voluto solo velocizzare le visite e garantire la massima igiene, e per praticità”. Sono queste le parole riferite dalla dottoressa, che ha voluto così cercare di mettere freno alle voci che si sono rincorse dopo la diffusione della notizia, ma soprattutto dopo la diffusioni delle immagini del cartello su facebook.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *