Romina Carrisi: La figlia di Albano per la prima volta posa in costume

La prima volta non si scorda mai. «Ho aspettato 32 anni per accettare un servizio fotografico in costume da bagno. Mi hanno sempre frenato l’insicurezza, il pudore e un implacabile senso autocritico che mi portava a cogliere ed evidenziare solo i difetti. Ora mi sono convinta. Ho una consapevolezza nuova grazie alla quale ho imparato a volermi bene, a non prendermi troppo sul serio. Lo specchio non è più un rivale o un giudice inflessibile.

Non ho più bisogno della sua approvazione, che alla fine è la mia. Finalmente mi trovo a mio agio nella mia pelle. E quella che un tempo era smania di perfezionismo è diventata gioiosa accettazione di me stessa. Certo, cerco di migliorarmi sempre e di avere una maggior sintonia con me stessa, ma non è più un’ossessione». Gli occhi di Romina Carrisi, quartogenita di Al Bano e Romina Power, sono tersi e verdi come l’acqua del mare di Posillipo che la accoglie in bikini, quasi fosse il battesimo di un nuovo capitolo della vita che comincia proprio con la lettera A di allegria, amore e autostima. «Essermi messa così in gioco per me è stata una sfida.

L’ho vinta, ed eccomi qui». Ride spesso, si accarezza i capelli, ha grazia nei movimenti ed è in forma spettacolare, come non la si vedeva da tempo. «Prima ero più tondetta, più gonfia. Ma se a 16 anni mi limitavo a tavola perché volevo essere sottile come le modelle che vedevo sui giornali, dopo aver partecipato all’Isola dei famosi nel 2005, e aver sofferto la fame, avevo ribaltato tutto, decidendo che non potevo perdermi nemmeno un’occasione per mangiare», ridacchia.

«È solo da qualche anno che ho iniziato ad avere una coscienza alimentare, da quando ho scoperto di essere intollerante al nichel e ho eliminato ogni cibo che lo contiene. Facendo davvero attenzione, sono dimagrita, ho perso due taglie. Inoltre faccio palestra e yoga, ballo la salsa e il tango, e ogni occasione è buona per muovere il corpo che fino a tempo fa si era impigrito. Ma se mi concedo uno sfizio a tavola non mi faccio investire dai sensi di colpa, perché so che il giorno dopo mi impegnerò per smaltirlo», racconta mentre sale d’un fiato la lunga scalinata che dalla scogliera ci conduce alla villa che ci ospita, senza nemmeno avere il fiatone, sorridendo a chiunque la fermi per farle i complimenti. «Sei bellissima, come la mamma», le dicono. «Non ho mai ricevuto tanti apprezzamenti come in questo periodo», confida.

«Mi riempie d’orgoglio che mi accostino a mamma o quando qualcuno dice che ho qualcosa di mia sorella Cristel, alla quale sono legatissima, o che ricordo nonna Linda [Christian, ndr]». E giust’appunto mostra sul telefonino alcune immagini che ritraggono la celebre attrice degli anni Cinquanta in bikini, sulla spiaggia. Le prendiamo come ispirazione per alcuni dei nostri scatti: i tratti di somiglianza sono davvero notevoli.

«Sono convinta che se una persona ti sembra bella è perché sta bene dentro. Perché ha profondità di animo e purezza nel cuore. La bellezza non è esclusivamente una questione estetica: è quello che dici, è come lo dici, e quando sei soddisfatta di ciò che fai e di ciò che sei traspare. Questo è un buon momento per me. Di leggerezza, aspetto inedito per la mia vita, e di costruzione». È schietta Romina, non cela che il suo benessere di oggi è frutto di lavoro, di impegno, di voglia di capire e di capirsi. «Ho fatto analisi per qualche anno perché avvertivo nodi da sciogliere: la separazione dei miei genitori mai elaborata, mia sorella Ylenia scomparsa quando avevo sei anni, la pressione mediatica, la perdita di una persona a me cara, quando ne avevo solo 21. Vivevo tutto ciò con molta confusione. Non riuscivo a trovare una dimensione che mi appagasse, un equilibrio. Ora ho superato questa fase e guardo al futuro con occhi positivi e propositivi». Con voce squillante seppur con un velo di timidezza racconta: «Fino a qualche anno fa avevo un unico obiettivo: fare l’attrice.

Una passione forte che coltivavo da quando ero bambina e vivevo come una sorta di eredità di famiglia. Ma poter esprimere questa passione traducendola in lavoro è stato complicato. Io non credevo abbastanza in me stessa e l’essere figlia d’arte non mi ha aiutata. Anzi. Ho subito pregiudizi e mi sono stati detti tanti no. Perciò, stanca e triste per i tentativi non andati a buon fine, mi sono buttata nella fotografia e nella scrittura.

E oggi sento di aver imboccato una strada speciale: ho girato il mio primo cortometraggio e ora sto scrivendo un lungometraggio del quale vorrei essere anche regista. Pochi giorni fa mi hanno anche chiamata per una commedia teatrale, come attrice. Un ritorno al primo amore ». Amore: un capitolo importante nella vita di Romina. «Sono romantica, emotiva, selvaggia e indipendente. È difficile che io mi apra con le persone, ma quando si conquista la mia fiducia, sono molto premurosa e presente. Mi piace la quotidianità, il costruire giorno dopo giorno un legame. In ogni mia scelta ho sempre seguito il cuore, che è la mia bussola in tutto.

E nelle persone che ho avuto accanto ho sempre cercato sincerità, concretezza e senso dell’umorismo, dote che trovo altamente sexy. Chi mi conosce bene sa che ho una vena comica spiccata». In effetti Romina è spigliatissima, l’abbiamo vista anche di recente più volte durante la Domenica In di Mara Venier o nelle gag in occasione di 55 passi nel sole, lo show celebrativo che su Canale 5 ha ripercorso la carriera di papà Al Bano, nel quale si è esibita tutta la famiglia. «La Tv mi piace, ma solo se c’è un progetto interessante e che mi faccia crescere, confrontarmi, divertire. Non sono una che deve apparire a tutti i costi», spiega. Squilla il cellulare, Romina sorride, si allontana un attimo, poi torna e con dolcezza confida: «Da poco ho iniziato a frequentare un uomo che mi fa stare bene. Lui ha qualcosa di speciale negli occhi, una luce che lascia trasparire un’onestà d’animo che mi piace molto. È distante dallo spettacolo, fa il medico, ma siamo entrambi curiosi e rispettosi l’uno del mondo dell’altro. Non ero in cerca di nulla, è stata una sorpresa totalmente inaspettata». Gli occhi verdi di Romina si illuminano, parlano più di mille parole. Ed è ancora più bella.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *