Pesce al mercurio, chiesto il ritiro del lotto. Il Ministero della Salute: “Non consumatelo”

Pesce al mercurio, chiesto il ritiro del lotto. Il Ministero della Salute: "Non consumatelo"

Continua ad allungarsi la lista dei prodotti ritirati nei supermercati italiani. Questa volta si tratta di pesce al mercurio, una cosa che ha destato così non poche preoccupazioni e tanto che il Ministero della Salute ha lanciato l’allarme di non consumarlo qualora si fosse provveduto a comprare il lotto in questione.

Prodotti con Escherichia coli

Nel corso degli ultimi mesi sono state diverse le notizie diffuse dei magazine nazionali e non solo, riguardante la vendita di prodotti con Escherichia coli. In particolar modo si è fatto riferimento a delle confezioni di salmone contenente il batterio che non sempre si presenta in modo letale nelle persone ma che comunque da non pochi sintomi di malessere. Escherichia coli può comportare malesseri come mal di pancia, nausea, vertigini ed altro motivo per cui è stato chiesto ai consumatori di allertare subito il medico nel momento in cui si è avvertito alcun i sintomi strani che potrebbero essere riconducibili appunto al batterio.
Come vuole la prassi, il prodotto in questione viene subito ritirato dai supermercati e qualora si fosse provveduto ad acquistarlo e non consumarlo si consiglia di controllare il numero di lotto e in tal caso riconsegnarlo al venditore. Oggi però parliamo di pesce al mercurio.

Pesce al mercurio, chiesto il ritiro del lotto

Come nel caso dell’Escherichia coli, anche la presenza di mercurio nel pesce può destare non poche preoccupazioni. La presenza del mercurio Infatti può alterare le tossine ed accumularsi nel corpo del pesce. il tutto assume un aspetto molto più preoccupante se consideriamo il fatto che sono diversi i pesci presenti in mare che hanno all’interno del loro corpo metalli pesanti capaci di inquinare anche le acque. Il mercurio, ad esempio, in casi estremi può provocare anche l’avvelenamento.
Nel corso delle ultime ore è stata diffusa la notizia preoccupante riguardante la presenza di mercurio nel pesce tanto da richiedere il ritiro del lotto. Ecco cosa sta succedendo.

Il Ministero della Salute: “Non consumarlo”

A rendere ufficiale la presenza di mercurio nel pesce è stato proprio il Ministero della Salute. Nel sito web in questione si fa riferimento alla presenza di mercurio in lotto di tranci di verdesca che supera il limite concesso dal Regolamento Europeo 1881/2006.
Il lotto del prodotto in questione è quello della produzione R105 la data di scadenza fissata il 30 ottobre del 2020. L’azienda che lo produce è la Panapesca Spa, Chi ha sede in via Mazzini n 31 a Massa e Cozzile (PT). In particolar modo il Ministero della Salute ha lanciato l’allarme del “non consumarlo”. Sulla base di tale motivazione gli ispettori del ministero hanno quindi chiesto il ritiro del prodotto, insieme al contributo da parte dei consumatori nella portare il prodotto con mercurio presso i centri vendita dove è stato acquistato in precedenza.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *