Usa lavandino come fosse un bidet ma si rompe: gravissimo un 36enne

Ha usato un lavandino come bidet, ma il lavabo ha ceduto e si è spezzato in due, provocando il grave ferimento di un uomo. L’incredibile vicenda è accaduta nel pomeriggio di lunedì 1 luglio nel bagno della stazione ferroviaria di Verona Porta Vescovo. Un senza fissa dimora di 36 anni, di origine brasiliana, lunedì primo luglio 2019 è rimasto gravemente ferito nel bagno della stazione ferroviaria di Porta Vescovo.

In base alle prime ricostruzioni, l’uomo si era rifugiato nel locale per darsi una rinfrescata e cercare un po’ di refrigerio dal caldo torrido che sta ammorbando questo fine giugno e inizio di luglio 2019 un po’ tutta l’Italia. Sembra che il 36enne ad un certo punto abbia avuto necessità di utilizzare quindi il lavandino come bidet, ma il sanitario non ha purtroppo retto al suo peso.

Il lavandino si è spezzato improvvisamente, purtroppo ferendo in maniera seria il clochard sia alle gambe che alle braccia. L’uomo ha cominciato quindi a perdere parecchio sangue, a causa della profondità delle lesioni. A causa di una abbondante perdita di sangue, dovuta alla profondità delle ferite, l’uomo è svenuto. L’allarme è stato lanciato da alcune persone che si trovavano nel bagno della stazione.

In pochi minuti sul posto è giunto comunque il personale del 118 che ha tamponato le ferite e poi trasportato in codice rosso il senzatetto al Polo Confortini dell’ospedale di Borgo Trento, nei pressi della città veneta. La scorsa settimana un clochard è rimasto ferito a Palermo. È successo di fronte una libreria in via Terrasanta. Una rissa che è finita con una coltellata inflitta da una dei due uomini, che ha ferito l’altro al braccio.

Il senzatetto ha poi cercato di fuggire. Prima di farlo però si è liberato del coltello, che è rimasto per strada. Chi ha assistito alla scena ha poi avvertito la polizia, che è riuscita prima a ristabilire la calma e poi ha individuato il clochard. Il ferito è stata poi medicato e portato in ospedale per controlli. Indagini in corso per ricostruire la dinamica della lite. Sono stati poi sentiti alcuni testimoni della rissa.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *