Bambina morta a Venezia, la lettera del padre ha commosso il web

Fabrizio Celenza, che ha indagato l'uomo, ha disposto l'autopsia sul corpo della 12ennne.

In questi giorni ha fatto parecchio discutere il caso della bambina di 12 anni morta a Venezia sotto gli occhi del padre che ha tentato il tutto e per tutto al fine di salvarle la vita. L’uomo ha scritto una lunga lettere a inviata alla Capitaneria di Porto e diffusa dalla stampa, diventando così virale sul web.

Dodicenne muore sotto gli occhi del padre

Il popolo del web è rimasto visibilmente commosso dalla tragica morte di Cecilia. La ragazzina di 12 si trovava insieme alla famiglia nella laguna di Venezia, a bordo di un’imbarcazione che si è andata poi a schiantare con un baracchino, storia struttura che serve per segnalare i canali. Subito dopo l’impatto, la dodicenne è stata sbalzata dall’imbarcazione andandosi a schiantare sulla struttura.

La situazione è apparsa subito disperata, il padre ha cercati di fare tutto ciò che era in suo potere per salvarla anche quando le persone a bordo ad un gommone hanno prestato il primo soccorso. Tutto però si è rivelato inutile, Cecilia si è spenta a 12 anni a bordo dell’idrombulanza suem del 118 durante la disperata corsa in ospedale.

Bambina morta a Venezia

La giovane vita di Cecilia si è interrotta a 12 anni quando, forse, si è troppo grandi per essere giudicati bambini e ci si sente un po’ più grandi. Il tutto è successo davanti agli occhi del padre che non ha potuto fare nulla per evitare la sua tragica morte. Qualche giorno la morte della bambini nel cuore delle acque di Venezia a rompere il silenzio è stato il padre di Cecilia. L’uomo, infatti, ha affidato il suo lungo sfogo intrinseco di dolore a una mail inviata alla Capitaneria di Porto di Venezia. Parole che invitano a riflettere e che in pochissimo tempo hanno commosso il web. La lettera in questione non è stata pubblicato per intero dalla stampa, ma quelle poche parole sono diventate immediatamente virali.

“Dovevo essere il responsabile della sua sicurezza”

Al momento sono ancora al vaglio degli inquirenti le dinamiche dell’incidente che causato la morte di Cecilia, deceduta a causa delle ferite riportate durante la disperata corsa in ospedale. Il padre in una lettera indirizzata alla Capitaneria di Porto di Venezia scrive: “Ho permesso a Cecilia di sedersi a prua, senza prevedere le possibili conseguenze, pertanto l’unico responsabile è il sottoscritto. Dovevo essere il responsabile della sicurezza della navigazione e della salvaguardia delle vite delle persone e non l’ho fatto“. Il padre di Cecilia è indagato per omicidio colposo e si è messo a disposizione della autorità, nei prossimi giorni verrà effettuata l’autopsia sul corpo della dodicenne su richiesta del magistrato Fabrizio Celenza.

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *