Vermi nel baccalà, l’Asl sequestra gastronomia e gelateria di noto supermercato

A Val di Magra sono stati effettuati sequestri nel reparto gastronomia e gelateria di un noto ed importante supermercato, perché pare siano state ritrovate delle larve di mosca. Nei confronti quindi del titolare di questo supermercato della vallata del Magra, sarebbero state elevate delle contravvenzioni che partono da un minimo di €3000 fino ad arrivare ad un massimo di 6000. Sembra essere scattato invece alcun tipo di provvedimento di carattere penale.

Stando a quanto riferito, questo sequestro durerà almeno fino a quando l’aria interessata non sarà bonificata. È questo il risultato di una operazione che è stata effettuata dal personale veterinario dell’ASL numero 5, in seguito ad una segnalazione arrivata da parte di un sessantenne spezzino che era andato presso l’ufficio sanitario con una busta contenente delle frittelle di baccalà, con all’interno larve di mosche.

L’uomo in questione pare ne avete mangiato una prima di accorgersi della presenza di queste larve è molto preoccupato si è diretto al pronto soccorso, dove era stato visitato e i medici gli avevano riscontrato dei problemi intestinali per via del consumo di questi alimenti letteralmente invasi dai vermi. I funzionari intervenuti avrebbero così sequestrato la busta ed effettuato i controlli nel supermercato. Da questi è emerso la presenza di larve a causa di un difetto della temperatura nei prodotti da servire caldi.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *