Saldi estivi 2019, al via lo shopping: prezzi al ribasso, attenzione alle fregature

In Alcune regioni italiane i saldi sono già partiti, ma ufficialmente partono oggi in tutta l’Italia. A partire nei giorni scorsi sembra siano state solo la Sicilia, la Campania e la Basilicata, regioni che pare avessero dato il via agli sconti mentre a partire da oggi, tutti potranno beneficiarne. Secondo le associazioni quest’anno gli sconti saranno particolarmente elevati e il Codacons si aspetta che si registrino ribassi fino al 50% fin dai primi giorni di promozione ed Unione Nazionale consumatori prevede uno sconto medio del 21,3% in netto aumento del 19,4% dell’estate scorsa ed  in linea con questo inverno, quando la promozione è stata di un circa del 21,4%.

“Visto il disastro delle vendite in stagione, che ha travolto un settore basato sulla stagionalità dei prodotti, auspichiamo che la sopita voglia di shopping dei mesi passati si risvegli trasformandosi in una crescita degli acquisti”, è questo quanto dichiarato dal Presidente di FederModaMilano e Federazione Moda Itlaia Renato Borghi.

Secondo ancora le associazioni, lo scontrino medio per ogni italiano sarà di €65 a testa e la maggior parte dei cittadini preferirà fare acquisti durante la settimana e andare al mare invece nel weekend. Secondo quanto riferito dal Codacons si tratterebbe di un avvio solo formale, perché i saldi effettivamente sono partiti ormai da giorni. Per l’abbigliamento visto il maltempo, si è trattato di una stagione disastrosa e quindi tanti negozi pare che già avessero lanciato gli sconti e delle promozioni speciali per i propri clienti con dei ribassi che arrivano anche fino al 50% e comunicazioni date via WhatsApp Facebook e email.

Dal Codacons arriva poi anche una guida per evitare di essere truffati, quindi per poter fare shopping in sicurezza. La prima regola è quella di conservare sempre lo scontrino visto che anche la merce scontata qualora dovesse risultare difettosa si può comunque cambiare. Tra gli altri consigli c’è sicuramente quello di diffidare dei ribassi superiori al 50% dei capi che non possono essere provati oppure di quei negozi che non espongono il cartellino con il prezzo vecchio quello nuovo e anche lo sconto applicato. E’ poi il caso di andare nei negozi di fiducia ed acquistare della merce della quale si conosce già in anticipo il prezzo ed anche la qualità. È possibile comprare con carta di credito anche i prodotti che sono scontati nel caso in cui negoziante abbia fuori nella vetrina il simbolo della carta di credito o del bancomat.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *