“Se lo fai ti do duemila euro”. L’ultima “Balotellata”. Immagini assurde

“Ti do due mila euro se ti butti a mare con il motorino”. E’ Mario Balotelli che, in vacanza in Costiera sorrentina, ne ha approfittato per fare un salto a Napoli e una passeggiata sul Lungomare partenopeo. Arrivato a Mergellina, alcune persone lo hanno riconosciuto e si sono avvicinate. Impossibile restare inosservato. Comprensibile si sia formato in poco tempo il capannello intorno al calciatore che in città è molto amato… anzi, qualcuno ha anche azzardato che potesse trovarsi lì per questioni di mercato considerato che spesso – in passato – il suo nome è stato accostato agli azzurri. Niente di tutto questo.

Duemila euro di scommessa, Balotelli sfida l’uomo col motorino

L’ex attaccante del Marsiglia era ‘in libera uscita’ – come si dice in gergo – e s’è fermato a fare due chiacchiere con la gente del posto. Ne è nato un simpatico siparietto concluso con una scommessa molto particolare (come testimoniato da un video pubblicato dallo stesso giocatore su Instagram): l’ex punta del Milan, dell’Inter e della Nazionale ha sfidato un uomo a lanciarsi in mare a bordo di un motorino. Se lo avesse fatto, gli avrebbe dato come ricompensa per il coraggio e la faccia tosta mostrati duemila euro. Detto, fatto… L’uomo, che nelle immagini è completamente svestito e appare in mutandine, non si perde d’animo né mostra alcuna reticenza o forma di vergogna.

La sequenza dell’uomo che, a bordo del motorino, accetta la sfida di Mario Balotelli e si lancia in mare
in foto: La sequenza dell’uomo che, a bordo del motorino, accetta la sfida di Mario Balotelli e si lancia in mare

Il salto in mare dalla banchina a bordo dello scooter

Balotelli estrae dalla tasca il malloppo di soldi, li conta e rende la somma pattuita. L’uomo, già salito sullo scooter, non si lascia pregare e – tra gli incoraggiamenti del gruppetto di persone accelera – si lancia nello specchio d’acqua sottostante. Per fortuna, è andato tutto bene ed è riaffiorato subito nonostante il peso del mezzo. Poi resta da capire che fine abbia fatto il veicolo e se è rimasto in fondo al porto oppure è stato recuperato in qualche modo.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *