Ansia per Tinto Brass: è crollato davanti alla moglie. Si lotta per salvarlo

Il regista Tinto Brass, come si apprende da ambienti ospedalieri, è stato ricoverato in terapia intensiva all’ospedale Sant’Andrea. Il regista, maestro 86enne del cinema erotico italiano, ha avuto un malore mentre si trovava a casa in compagnia della moglie Caterina Varzi. È stata lei a chiamare l’ambulanza per richiedere i primi soccorsi. Le condizioni di salute di Tinto Brass appaiono gravi, la prognosi resta riservata. Non è la prima volta che Tinto Brass si trova a dover fronteggiare guai di salute: nel 2010 era stato colpito da un ictus che gli aveva causato una perdita di memoria, poi recuperata a pieno. A raccontare quanto accaduto nella notte di ieri è stata la moglie del regista, Caterina Varzi, che si trovava con lui al momento del malore, nella loro casa romana di Isola Farnese.

Tutto era iniziato con una febbre alta nella sera di lunedì, dopo l’ora di cena. “Fino a quel momento andava tutto bene”, spiega la Varzi al Corriere. Poi il marito ha iniziato a stare sempre peggio e lei ha chiamato un’ambulanza. “È stato un fulmine a ciel sereno, perché fino a quel momento era molto allegro e anche impegnato”, ha raccontato la signora Brass.

Nato a Milano il 26 marzo 1933 dopo la laurea in giurisprudenza, si è trasferito negli anni ’50 a Parigi dove ha lavorato come archivista presso la Cinematheque Française; l’approdo al cinema è come aiuto regista di Alberto Cavalcanti e di Joris Ivens e poi, rientrato in Italia, come aiuto del grande Roberto Rossellini per India e Il generale Della Rovere, entrambi del 1959.

Una lunghissima carriera iniziata negli anni Sessanta con film che fin da subito attirano le attenzioni della censura non tanto per i contenuti erotici ma per quelli politici, il suo primo film Chi lavora è perduto (1963), affrontava il tema di un giovane che stenta ad integrarsi nella società. Ma sono titoli come La chiave con Stefania Sandrelli, Miranda con Serena Grandi, Capriccio con Francesca Dellera, Senso ’45 dal racconto di Camillo Boito con Anna Galiena a tributargli il titolo del maestro dell’erotismo sul grande schermo.

Erotismo mai fine a se stesso ma sempre legato al discorso sul potere come Salon Kitty del 1975 con Helmut Berger, ambientato in una casa di tolleranza nella Berlino nazista. Tra gli altri titoli della sua lunga filmografia Caligola (1980), interpretato da Malcolm McDowell, ambientato nella Roma antica, Paprika con Debora Caprioglio, la commedia autobiografica Fermo posta Tinto Brass (1995) di cui è stato anche attore. Come attore ha lavorato anche a film di altri registi (La donna è una cosa meravigliosa di Bolognini, Lucignolo di Massimo Ceccherini) e le sue ultime apparizioni sono state in camei di altri film come Case chiuse, sulla fine delle case di tolleranza.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *