Italiano aggredisce ragazzo sul treno: “Negro del ca**o, fammi vedere il biglietto”

Altro episodio schifosa e inaudita violenza razziale. Purtroppo ormai ogni giorno ci ritroviamo a riportare fatti legati a atti di violenza e odio perpetrati contro immigrati e persone di colore. L’ultima follia arriva da un treno Milano-Verona. Il video che vedete è stato girato sul treno e postato su Facebook da Delia Piavani, una studentessa di 24 anni che ha deciso così di riprendere tutto e lanciare la denuncia.

Un passeggero chiede insistentemente a un ragazzo di colore: “Hai fatto il biglietto? Fammi vedere il biglietto. Negro del cazzo. Io l’ho pagato, a voi non lo controllano perché siete colorati“. L’altro gli chiede a sua volta, e giustamente: “Perché dovrei mostrarlo a te?”.

L’uomo sostiene che la maglietta verde è la sua divisa e accusa continuamente il ragazzo di non avere il biglietto. Finché il giovane non risponde più e decide di allontanarsi. Racconta nel suo post Delia che la scena è continuata. “L’uomo se la prende anche con un altro nero: una spintonata, uno sputo, parolacce. Arriva il controllore, io sto per scendere, gli mostro il biglietto e gli dico quanto accaduto”.

“La sua risposta è stata: ‘Sì, ogni giorno è sempre peggio, mi spiace’. Accanto a me nei sedili a fianco un signore di colore mi guardava, sconfortato“.

“Avrei voluto dirgli che non siamo tutti così, ma non mi usciva una parola. Avrei voluto avere più coraggio per scendere e mettermi in mezzo. Tengo a precisare che quel ‘signore’ era perfettamente lucido, parlava al cellulare con la sua compagna in modo normalissimo, la sua frustrazione veniva sfogata così, nel modo più orribile”.

Conclude Delia, a cui va il nostro grazie per aver diffuso un’altra importante testimonianza sul clima che si vive in Italia: “Vederlo con i miei occhi mi ha scossa molto, sono scesa da quel treno con tanta rabbia, frustrazione e nausea e sensazione di impotenza”. E’ la stessa che hanno tanti italiani per bene, stufi di questo odio ingiustificato alimentato da chi è al governo.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *