Trova un neonato sepolto vivo – scoppia a piangere quando lo rivede 20 anni dopo

Nel 1998, una donna di nome Azita fece una scoperta terribile: trovò un neonato sepolto tra i cespugli. Per fortuna il bambino era ancora vivo. Di recente, il piccolo orfano, oramai ventenne, ha avuto l’opportunità di ringraziare la sua soccorritrice di persona.

Venti anni fa, Azita Milanian stava facendo jogging con i suoi cani a Los Angeles, USA. In genere, mentre faceva jogging, i cani le rimanevano accanto, ma quel giorno qualcosa aveva attirato la loro attenzione. In seguito Azita fece una scoperta terribile.

– Pensai che i cani avessero trovato un animale morto. Poi, scavando più a fondo nel terreno, capii che era un bambino, dichiarò Azita in un’intervista poco dopo l’incidente.

Un bambino che non aveva che poche ore di vita. Era ancora vivo, anche se era stato sepolto sotto uno strato di terra. Era avvolto in un asciugamano blu e aveva ancora il cordone ombelicale. La sua vita era appesa a un filo.

In seguito, Azita chiamò i soccorsi e il neonato fu portato in ospedale, dove i medici si presero cura di lui e gli salvarono la vita.

In seguito il bambino, di nome Matthew Whitaker, venne adottato e Azita non lo rivide più.

Ma quell’incontro le cambiò per sempre la vita. Dopo aver salvato Matthew, Azita fondò un’organizzazione benefica, Children of One Planet, per sostenere gli orfani di tutto il mondo.

Tuttavia, Azita non smise mai di pensare a Matthew. Per molto tempo provò a cercarlo, ma senza alcun risultato.

Ancora non sapeva che avrebbe ritrovato Matthew 20 anni dopo.

Non molto tempo fa, a distanza di 20 anni, Matthew e Azita si sono rivisti grazie al programma radio On Air di Ryan Seacrest.

– Ti aspettavo da 20 anni. Sei esattamente come ti immaginavo. Ho indovinato tutto. Grazie per essere entrato nella mia vita, mi hai cambiato la vita, ha detto Azita dopo aver abbracciato Matthew.

Matthew e Azita vorrebbero rimanere in contatto. Dopo aver visto la loro reunion, capiamo benissimo che sono ancora molto legati.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *