Lady Diana distrutta da una un’umiliazione: “Sei una poco di buono”

La principessa triste

Come abbiamo avuto moto di raccontare in più occasioni la vera rivoluzione nella casa reale è arrivata con Lady Diana. La donna designata dalla Regina Elisabetta come colei che sarebbe stata perfetta per affiancare il figlio Carlo se un giorno sarebbe mai salito al trono di Inghilterra.
Bella, intelligente e con il cuore donato a chi aveva davvero bisogno di aiuto. L’unica cosa di cui Lady Diana aveva bisogno, forse, era quella di essere amata. Costretta a sposare l’ex fidanzato della sorella che, purtroppo, era innamorato di un’altra donna la quale si insinuò nel suo matrimonio fino a distruggerlo. Ma questo non è tutto.

Lady Diana distrutta da un’umiliazione

Nel corso della sua vita, come spiegato poc’anzi, Lady Diana venne messa sotto pressione da tutti, compresa la famiglia d’origine. La relazione extra coniugale del marito l’aveva fatta capitolare in una profonda depressione che, dopo il divorzio, si trasformò quasi in sete di vendetta. Dalla sua parte sentiva solo l’amore e il supporto dei figli William e Harry, che ancora oggi omaggiano la madre in ogni occasione e che cercano di tutelare la sua immagine.
Paul Burrel, biografo ufficiale di Lady Diana, ha voluto parlare di un momento particolare della vita di Lady Diana legato alla relazione con il medico Hasnat Khan. Nessuno a quanto pare approvava tale relazione e, persino la mamma di Diana, Francess Shand Kydd l’avrebbe umiliata durante una telefonata durante la quale le disse: “Non sei che una poco di buono. Ho cresciuto una poco di buono”.

“Eravamo in tre nel matrimonio”

Recentemente il principe Carlo ha anche dichiarato di aver sbagliato nel non aver lottato a sufficienza per il l’amore con Camilla che, a un certo punto della loro relazione, lo mise alle strette e lo costrinse a prendere una decisione: o con lei o senza di lei. La decisione, purtroppo, la conosciamo tutti. Non a caso, Lady Diana in occasione di una delle sue ultime interviste, parlando a cuore aperto, su quel matrimonio su cui aveva puntato tanto aveva detto: “Beh, eravamo in tre nel matrimonio, quindi era un po’ affollato”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *