Un semplice guanto di gomma: il “trucchetto” di questa mamma diventa subito virale

È piccola e come molti neonati ha bisogno di continue attenzioni. Quindi l’idea di gonfiare un semplice guanto di gomma e poggiarlo sul ventre della figlia, cosicché abbia l’impressione di avere la mano della mamma che la coccola. ventre.

A dispetto di quanto si potrebbe pensare, questo rimedio con Olivia funziona davvero, tanto che sono ormai diverse settimane che Melissa trova il tempo di fare una doccia con tranquillità o di prepararsi un caffè senza dover correre in continuazione da una camera all’altra a causa dei pianti disperati della bambina. Adesso, con il trucchetto del guanto, riesce a stimolare il sonno della figlia in un batter d’occhio. 

Probabilmente non funzionerà con tutti i bambini – perché magari ci fosse un modo universale e infallibile – ma a giudicare dalla reazione positiva di tante mamme con molti si è rivelata un’ottima tecnica. Sì, perché Melissa ha condiviso l’immagine della figlia che dorme con il guanto sul pancino e il post è letteralmente finito ovunque. Quando ha pubblicato l’immagine su Facebook, infatti, si è vista arrivare oltre 10mila commenti e innumerevoli condivisioni in poche ore.

A giudicare dai messaggi lasciati sotto al post, tante mamme hanno preso ispirazione da Melissa e provato la tecnica del guanto di gomma e ha funzionato: sono rimaste davvero entusiaste. Ma non questa giovane mamma australiana non è la sola ad aver ideato un metodo per stimolare il sonno della neonata, anche altre utenti della rete hanno proposto la loro: dalle bottiglie di acqua fredda alle scarpe usate.

Qualche tempo fa era stato un papà, ma sempre australiano, a diventare “l’idolo della rete” in questo senso. Un utente di YouTube ha svelato il suo segreto per far addormentare il figlio: gli serve soltanto un fazzoletto di carta da sventolare sul viso del bambino per una manciata di secondi. Come se fosse una leggera carezza. Il figlio, 3 mesi, cadeva nelle braccia di Morfeo in soli 42 secondi, assicurava l’utente.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *