Traveste la figlia da Samara: bambina aggredita con bastoni e spranghe

Una ragazza dai capelli lunghi e neri a coprire il volto, una lunga camicia bianca e, secondo alcuni testimoni, un arnese a mo’ di coltello tra le mani: è questo l’identikit che negli ultimi giorni sta spopolando in mezza Italia spaventando tantissimi cittadini. Prima a Catania, poi in provincia di Napoli, da Marano ad Afragola, e ancora in Sardegna, in alcune città del Nord.

È la Samara Challenge, la nuova sfida che sta spopolando sui social network. Di che cosa si tratta? Prende ispirazione da Samara Morgan, protagonista del film horror The Ring. La sfida consiste nel vestirsi come Samara Morgan, sfilare di notte per le vie della città mettendo paura ai passanti e pubblicando il video sui social. Può essere definita una bravata o una semplice ragazzata, ma in un’epoca dove tutto diventa di pubblico dominio, la Samara Challenge sta diventando molto pericolosa. In alcuni casi, infatti, le vittime dello scherzo sono state colte da malore, mentre altre hanno reagito con violenza, aggredendo chi si celava sotto gli abiti del personaggio di Samara.

Nella tarda serata di domenica scorsa il fenomeno si è presentato anche nella cittadina di Lesina, dove alcuni giovani, dopo un intenso “tam tam” sui social circa alcuni avvistamenti di “Samara” in paese, si erano organizzati in gruppi per individuarla e bloccarla. I passanti si erano addirittura organizzati  bastoni o spranghe per colpire lo “spauracchio”, mentre altri pretendevano di estendere le ricerche anche all’interno del cimitero. La cosa più assurda è che in questo caso è stata proprio una mamma, con la complicità di un’amica, a travestire la figlia minorenne da ‘Samara’ e l’ha fatta aggirare per le strade seminando il panico tra i cittadini, alcuni dei quali, come detto, hanno dato la caccia alla bambina armati con bastoni e spranghe di ferro.

Per questo la mamma, che ha 32 anni, e la sua amica 35enne, sono state denunciate per procurato allarme dai carabinieri che, attraverso i racconti di alcuni testimoni e con l’ausilio delle immagini delle telecamere di sicurezza posizionate in paese, sono riusciti a individuare e denunciare le due donne. Mercoledì 28 agosto nel Rione Salicelle di Afragola, in provincia di Napoli, la Samara di turno è stata aggredita da alcune persone che non hanno gradito la “passerella”.

Pochi giorni dopo la scena si è ripetuta per le vie del quartiere napoletano di Pianura, dove poco dopo le 22 quasi 200 persone hanno affollato via Torricelli, nei pressi del parco Falcone e Borsellino (chiuso da oltre dieci anni), dove poco prima era stata avvistata una “nuova” Samara, rea di aver messo paura ad alcune ragazzine presenti nella zona. Urla e fuggi fuggi di ragazzi spaventati avevano fatto da contorno alla vicenda, svegliando i residenti della zona allertati dalle grida del gruppo di adolescenti.

 

Al diffondersi della notizia non sono mancati i commenti sui social network. C’è chi ha sottolineato la pericolosità di questa nuova folle tendenza: ‘Il fenomeno potrebbe provocare un infarto a chi già soffre di problemi cardiaci e non è a conoscenza di questo scherzo’, ‘Gli adolescenti sui motorini rischiano di fare incidenti mentre cercano di scappare o di fotografarla’ – scrivono sui social alcune persone. “Qualcuno la prende alla leggera identificando la ‘nuova moda’ come una bravata adolescenziale, qualcun altro pensa ai valori e ai genitori (dove sono?), qualcuno ancora pensa alle conseguenze di questo strano e assurdo comportamento”, era stato un altro commento.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *