Poliziotto uccide i figli di 8 e 12 anni e ferisce la moglie, poi si suicida

Secondo le ricostruzioni fatte dai media locali, la sparatoria sarebbe avvenuta all’interno di un’abitazione di un quartiere residenziale della città a sud di Rotterdam dove sono accorse numerose forze di polizia. A sparare sarebbe stato un agente di polizia di 35 anni che lavora nell’unità di polizia di Rotterdam. L’uomo avrebbe fatto fuoco sulla sua famiglia prima di uccidersi con la stessa arma. Tra le vittime i figlioletti di 8 e 12 anni, ferita gravemente invece la moglie.

A confermare che si tratta di un episodio “molto grave ” è stato anche il sindaco della cittadina olandese. “Sono molto toccato e preoccupato per tutti i soggetti coinvolti” ha spiegato ai media il primo cittadino.  Dopo l’allarme, sul posto son state fatte convergere numerose forze di polizia e l’intera area è stata circondata dagli agenti. Almeno quindi auto della polizia sono intervenute a sirene spiegate. Sul posto anche diverse ambulanze e due elicotteri di soccorso per prestare le cure necessarie alle persone colpite.

Sparatoria Dordrecht, vicini: “Dramma familiare, stavano divorziando”

Secondo i residenti locali, citati dai giornali olandesi, la sparatoria di Dordrecht sarebbe frutto di un dramma familiare visto che la coppia che abita nell’abitazione pare vivesse già da tempo da separata in casa e stesse divorziando. I litigi tra i due pare fossero molto frequenti ultimamente anche se nessuno si aspettava una simile tragedia. Tutti sono concordi nel ricordare che il luogo della sparatoria è un quartiere molto tranquillo dove cose del genere non sono mai accadute. “Questa è una zona molto tranquilla, qui i bambini giocano insieme in strada. Il quartiere è sotto shock” ha spiegato il sindaco di Dordrecht accorso sul posto dopo aver saputo la notizia.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *