Baby Pelones, cosa sono le bambole con il foulard che aiutano i bambini malati di cancro

Il cancro è una delle malattie più tristemente diffuse negli ultimi tempi e ogni anno colpisce anche molti bambini, che fin da piccolissimi si ritrovano a combattere contro qualcosa di tanto grave e invasivo. È proprio per sostenere tutti i piccoli guerrieri che ogni giorno sono in bilico tra la vita e la morte che sono nate le Baby Pelones, delle bambole con la testa calva e il foulard che supportano la ricerca contro il cancro infantile.

Cosa sono le Baby Pelones

Si chiamano Baby Pelones e sono le bambole ispirate ai bambini con il cancro, sono nate in Spagna ma mese dopo mese stanno diventando popolari anche nel resto del mondo. Non hanno i capelli, indossano i foulard e stanno combattendo contro la terribile malattia proprio come molti piccoli in ogni parte del mondo ma, nonostante ciò, hanno un dolce sorriso stampato sulle labbra, a dimostrazione del fatto che rimanere positivi è fondamentale quando ci si ritrova a vivere un momento tanto terribile. L’obiettivo? Infondere coraggio e fare compagnia ai bambini malati, così da dargli la forza di affrontare e superare le chemioterapie aggressive che cambiano in modo radicale il loro corpo.

Baby Pelones, dove acquistarle e le star che sostengono il progetto

Le Baby Pelones vengono vendute presso i punti vendita La Giraffa e Rocco Giocattoli e i loro prezzi si aggirano tra i 21 e i 25 euro a seconda del modello scelto. I fondi raccolti vengono donati alla Fondazione JuegaTerapia, che ha sede a Madrid, in Spagna, la quale si occupa di raccogliere e distribuire giocattoli ai pazienti bambini nelle aree oncologiche degli ospedali di tutto il mondo. Fino ad ora sono stati finanziati diversi progetti che riguardano il cancro infantile come giardini sui tetti degli ospedali, stanze arredate in modo gioioso e borse di studio sui tumori. È da diversi mesi che sono arrivate anche in Italia grazie all’Istituto nazionale dei tumori di Milano e a sostenere l’iniziativa nei panni di testimonial nel nostro paese è Laura Pausini.

Insieme alla figlia Paola, la cantante ha disegnato uno dei foulard indossati dalle bambole, aggiungendosi così alla lista di celebrità che hanno sostenuto il progetto. Prima di lei, a lasciarsi immortalare con le Baby Pelones tra le mani sono state Shakira, Richard Gere e Ricky Martin. Di recente la cantante si è servita dei social per statevene ancora una volta la Fondazione JuegaTerapia, certa del fatto che saranno moltissimi i fan che sosterranno l’iniziativa.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *