Skip to content

Franco Battiato chi è il fratello Michele Battiato? Chi sono gli eredi

Michele Battiato: chi è il fratello di Franco?

Fratello maggiore di Franco, Michele Battiato era come lui di poche parole ma di carattere deciso. Ex consigliere comunale tra le fila dei Repubblicani a Milano, della sua vita privata non si sa quasi nulla, eccetto il fatto che sua figlia Cristina è avvocato e unica erede del fratello.

L’ombra della luce

Con umile bellezza, Battiato ci ha ricordato che siamo solo l’ombra di una luce, un’esistenza precaria di infinita vulnerabilità. Nei percorsi più incerti, senza meta, non dobbiamo abbandonarci o lasciarci abbandonare.

“Perché le gioie dell’affetto più profondo

o il minimo desiderio del cuore

Sono solo l’ombra della luce

Ricordami quanto sono infelice

lontano dalle tue leggi

come non sprecare il tempo che mi resta ”.

La cura

Gettato in un mondo disumanizzato dove regnano la violenza interna e l’odio più grottesco, Battiato ha dato voce a chi ci proteggerà dalla paura dell’ipocondria, “dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo”, dai fallimenti e dalle ossessioni. Chi curerà le nostre malattie, con chi percorreremo i sentieri di una vita strana e ci accompagnerà dove, “con più velocità di un’aquila”, i nostri sogni ci conducono. A chi ci porterà silenzio e pazienza. Quelli che ci salveranno “da ogni malinconia” quando i “profumi dell’amore inebriano i nostri corpi”.

“Perché sei un essere speciale e io mi prenderò cura di te.”

Era veramente bello

Contro le ingiurie del tempo si erge la bellezza della musica e dei paesaggi della Sicilia natale di Battiato. Là viveva lontano dai rumori brutali, in quell’oceano di silenzio che è Milo, a Catania.

Non devi muoverti fisicamente per viaggiare, così come per rimanere giovane devi solo lasciare che le ombre si estendano oltre la notte. Come diceva lo scrittore Claudio Magris , la vita non è altro che un viaggio infinito, anche se non usciamo dalla nostra stanza.

“Non chiedermi dove porta la strada. Seguilo e cammina da solo ”.

Gli uccelli volano

Era il poeta del disorientamento, del volo libero, imprevedibile come il volo degli uccelli:

“Spiegano le ali, decollano e atterrano meglio degli aerei, prospettive che cambiano il mondo, voli imprevedibili e salite rapide, traiettorie impercettibili, codici di geometria esistenziale.

Vengo a cercarti

È il poeta della contraddizione, di cui desidera essere solo ma è schiavo della passione di stare con un’altra anima solitaria. Perché “l’animale che porto dentro non mi fa mai vivere felice, l’animale che porto dentro ti ama”.

Il poeta che, per ritrovare se stesso, deve cercare il vero amore “che io leggo nei tuoi occhi e tu leggi nei miei”, anche se “io conosco le tue bugie e tu conosci la mia triste viltà”. E anche così …

“E vengo a cercarti anche solo per vederti o parlare perché ho bisogno della tua presenza per capire meglio la mia essenza.”

Antidoto all’indifferenza

Perché la musica ci aiuta a sentirci più intensamente, a condividere emozioni profonde con gli altri. La musica è l’antidoto perfetto all’indifferenza.

Battiato ci ha detto che “tutto è illusorio, tutto è vuoto”. E, forse, l’unico “baricentro permanente” che troveremo alla fine del cammino è quello dei poeti e della loro musica.

Leggi anche:  Patty Pravo chi è? Età, carriera, marito, figli, compagno e vita privata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *