Skip to content

La triste fine di Spot, eroe a quattro zampe: ucciso dai ladri mentre difendeva la padrona

Lui si chiamava Spot ed era un maremmano abruzzese grande così. Spot non c’è più. È stato ucciso da due balordi mentre con tutte le forze che gli erano rimaste, aveva tentato di difendere la sua padrona dai rapinatori. La storia di Spot era iniziata tempo fa nel Perugino. Lì, dopo essere stato abbandonato a sé stesso, viveva da mesi chiuso in un recinto di fortuna. Poi, finalmente, era stato adottato. Non era stato affatto facile. Grande e grosso e soprattutto completamente sordo, per quel cagnolone, grazie all’aiuto di volontari ed a quotidiani locali come Perugia Today che aveva raccontato la sua storia e che ha diffuso l’immagine che pubblichiamo, la fortuna aveva cominciato a girare.

Leggi anche:  Televisione in lutto, addio all'attore. È stato il protagonista delle grandi serie: "Ci mancherà da morire"

Così, una volta trasferito a Firenze, la sua innata dolcezza aveva fatto innamorare una veterinaria che, dopo averlo curato, aveva deciso di tenerlo con sé. Poi, quando ormai tutti si pensava ad un lieto fine, la tragedia. Pochi giorni fa, infatti, mentre Spot era a spasso con la sua padrona in un parco, ecco avvicinarsi due loschi figuri. Hanno con sé un grosso pitbull e sono armati di coltello. In un attimo si fanno sotto.

Vogliono rapinare la donna. Tutto accade in pochi minuti. Con il pitbull che si accanisce contro Spot e i due che brandiscono quelle lame che alla fine, colpiranno anche la donna. Spot reagisce con tutte le sue forze ma poco dopo, mentre i due banditi fuggono, soccombe. Morsi e fendenti che, fortunatamente non hanno ferito gravemente la sua padrona, sono troppo per lui. Così, si accascia e, poco dopo, il suo cuore smette di battere. Così è morto Spot, il cagnolone sordo che finalmente aveva trovato una nuova casa.

Leggi anche:  Schianto frontale, Massimo muore a 48 anni. Per lui non c’è stato nulla da fare: lascia un bimbo di 9 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *