Elena e’ stata uccisa dalla madre. La donna ha confessato nella notte

Elena e’ stata uccisa dalla madre. La donna ha confessato nella notte . Drammatica svolta nella vicenda della piccola Elena Del Pozzo, di 4 anni, scomparsa ieri pomeriggio. La madre aveva denunciato ai carabinieri di essere stata aggredita da tre uomini.
Questa mattina, nel corso del sopralluogo nella casa di famiglia, la donna è crollata in un lungo pianto e poco dopo ha portato i militari nel luogo dove aveva nascosto il corpo della bambina.
La notizia è confermata dal procuratore della Repubblica di Catania, Carmelo Zuccaro: “Purtroppo, è stato trovato il cadavere della piccola Elena, su indicazione della madre”.

La piccola è stata prelevata dall’auto della mamma da un gruppo di uomini incappucciati e armati. Naturalmente la Procura di Catania ha diffuso l’ultima foto che immortala la piccola prima di essere presa e portata via con la forza e ha iniziato le ricerche della piccola Elena.

Leggi anche:  Donatella uccisa a coltellate in casa, il marito Matteo trovato morto

Diffusa in tempi record l’immagine sfocata, l’unica a disposizione delle forze dell’ordine che ora stanno indagando cercando di battere ogni strada. Tutti i conoscenti parlano di una famiglia normale, quella di Elena Del Pozzo. Nel frattempo le forze dell’ordine hanno fatto presente di aver visionato dei video di sistemi di sorveglianza a Piano Tremestieri e anche nell’asilo frequentato dalla piccola.

Mistero sulla scomparsa di Elena Del Pozzo: rapita a 5 anni davanti scuola

Rilievi ulteriori sono stati eseguiti pure da militari del Ris di Catania su alcune auto ritenute in qualche modo coinvolte nelle indagini. Tiene tutti in tensione la scomparsa di Elena Del Pozzo: genitori e familiari della piccola sono stati sentiti dai carabinieri per ricostruire dinamiche e frequentazioni che potrebbero essere utili alle indagini. Tuttavia gli investigatori escludono che il sequestro sia opera della criminalità organizzata.

Leggi anche:  Elena Del Pozzo, il criminologo Lavorino: «Per la mamma possibile sindrome di Medea. Serve una perizia psichiatrica»

Sembra poi che la famiglia non abbia problemi economici, ma neppure disponibilità tali da giustificare un sequestro estorsivo. Ora accertamenti e rilievi sono stati eseguiti da militari dell’Arma del Ris di Catania anche su alcune automobili ritenute in qualche modo coinvolte nelle indagini.

A dire la sua arriva anche Piera Maggio, la madre di Denise Pipitone, la bambina sparita nel nulla il primo settembre del 2004 a Mazara del Vallo: “Liberate Elena. Non fategli del male”. Il colpo di scena arriva nella mattinata del 14 giugno, quando la madre della piccola trova il corpicino senza vita di Elena. I carabinieri del comando provinciale di Catania si stanno recando sul posto proprio mentre scriviamo queste righe. Il ritrovamento, secondo quanto si apprende, è stato possibile grazie alle “pressioni esercitate durante gli interrogatori” dagli investigatori, fa presente Open. Le prime indagini puntavano sul rapimento per vendetta o sulla faida familiare.

Leggi anche:  Massimo Bochicchio, il broker delle truffe ai vip: la sua moto esplode sulla Salaria

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© 2022 Newsitaliane -