Va in vacanza, torna e sente rumori, pensa ai ladri ma era famiglia che gli aveva occupato casa

L’uomo si è spaventato e ha subito pensato a dei ladri in azione chiamando i carabinieri ma ha scoperto che non erano ladri ma una famiglia che gli aveva occupato casa.
L’occupazione abusiva di case purtroppo non è un fenomeno nuovo e di episodi di persone che si sono ritrovate chiuse fuori dalla propria abitazione dopo lunghe assenze, ad esempio per ricoveri e malattie, non è raro. Vedersi occupata la casa dopo una breve vacanza fuori, però, aggiunge un tassello ancora più assurdo alla terribile piaga.
È quanto accaduto nel Valdarno, in provincia di Arezzo, dove un uomo, al ritorno da alcuni giorni fuori città, si è ritrovato casa sua occupata da una famigliola che aveva già trasferito nell’appartamento tutte le proprie masserizie.

L’episodio scoperto lunedì sera quando, di ritorno da un weekend lungo, un uomo si è accorto che nella sua abitazione di Terranuova Bracciolini vi era qualcuno e si sentivano dei rumori. Ovviamente si è spaventato e ha subito pensato a dei ladri in azione chiamando subito il 112 per allertare i carabinieri per un furto in atto.

Sul posto è accorsa in poco tempo una pattuglia dell’aliquota radiomobile che però ha subito riscontrato un’anomalia. Nonostante la presenza del proprietario e della volante con lampeggianti, infatti, nessuno ha fatto cenno a un tentativo di fuga.

Non erano infatti dei comuni ladri ma una coppia che aveva occupato abusivamente la casa. I carabinieri a questo punto hanno intavolato una trattativa cercando di convincere i due a lasciare la casa autonomamente. Secondo quanto riferito dai carabinieri all’Ansa, i due, un uomo e una donna già noti per essere abitualmente dediti a espedienti e reati contro il patrimonio, dopo un lungo colloquio alla fine si sono convinti a lasciare la casa e a riportare via le loro cose.

Il proprietario quindi alla fine è rientrato in possesso della propria abitazione ma si è riservato comunque la decisione di fare denuncia per invasione di edifici e violazione di domicilio contro la coppia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *