Pelé: chi è, età, carriera, record, moglie, figli, vita privata, curiosità e Maradona

Edson Arantes do Nascimento nato il 23 ottobre 1940, meglio conosciuto come Pelé , è un ex calciatore brasiliano che He He ha giocato come attaccante ed è stato riconosciuto da molti specialisti , ex calciatori e tifosi internazionali come il ” miglior calciatore di tutti i tempi “,  così come il Santos Fútbol Club , il Brasileirão , ilSquadra brasiliana e Coppa del Mondo . 

Durante la sua carriera ha fondato lo stile « jogo bonito » nel 1958. Ha vinto i Mondiali del 1958 , 1962 e 1970 con il Brasile , essendo quello che l’ ha vinto più volte e il più giovane all’età di 17 anni, e ha partecipato in quattro – sempre nel 1966 -, in cui ha segnato, essendo colui che l’ha fatto in più edizioni  con 12 gol in totale è stato il “miglior giocatore” nel 1970 e “il miglior giovane giocatore ” nel 1958. 

È stato il secondo classificato e il “miglior giocatore” nella Coppa America nel 1959. Esordisce professionalmente con il Santos nel 1956, dove ha giocato fino al 1974 ed è stato il ” club campione del mondo ” nel 1962 e nel 1963 , vincendo un titolo nella Intercontinental Champions Super Cup , due nella Coppa Intercontinentale , due nella Copa Libertadores. dall’America , sei dal Brasileirão, quattro dal Torneo Rio-São Paulo e dieci dal Campionato Paulista . È il “capocannoniere di tutti i tempi” per queste squadre e per la competizione mondiale per club,  rispettivamente con 77, 1 091 —643 ufficiali, il secondo numero più alto nello stesso club— e sette punti.  Era nel New York Cosmos degli Stati Uniti tra il 1975 e il 1977, quando si ritirò, vincendo una American League Cup e l’Atlantic Conference Championship. Ha segnato 1301 gol secondo l’ RSSF e 775 erano ufficiali – il secondo numero più alto della storia -,  evidenziando il Goal dei quattro cappelli e il Goal del piatto . 

Leggi anche:  “Ho 45 anni e sono incinta di mio figlio”. La storia sta facendo il giro del mondo tra indignazione, offese e dibattiti di ogni tipo. Quello che c’è dietro questa gravidanza, però, è molto particolare

Successivamente è stato attore e cantante   è stato nominato Cittadino del Mondo da parte delle Nazioni Unite (ONU) nel 1977, l’ambasciatore per l’ecologia e l’ambiente dalle Nazioni Unite nel 1992, l’Ambasciatore della Pubblica Istruzione, scienza, cultura e auguri di Unesco nel 1994, straordinaria Ministro dello Sport dal governo brasiliano tra il 1994 e il 1998, Cavaliere d’Onore dell’Impero Britannico nel 1997 e Ambasciatore dello Sport al Forum Economico Mondiale 2006.  Nel 1999 il Comitato Olimpico Internazionale lo ha insignito come ” miglior atleta del ventesimo secolo ” e insignito dell’Ordine Olimpico nel 2016. Nel 2000 è stato scelto come ” miglior giocatore del Novecento ufficiale ” con il 73% in un voto effettuato dal FIFA Football Committee e dagli abbonati a FIFA Magazine , della International Federation of Football History & Statistics , nonché un sondaggio a cui hanno risposto i vincitori del Pallone d’Oro . Nel 2004 la FIFA gli ha commissionato la redazione della lista dei ” 125 migliori calciatori in vita ” per la celebrazione del suo centenario. Nonostante non avesse vinto il Pallone d’Oro nella sua carriera, a cui a quel tempo erano ammessi solo gli europei , la rivista France Football gli ha assegnato un premio onorario per la sua grande carriera al gala di premiazione 2013 . Nel 2015 ne ha pubblicati sette che hanno ottenuto trofei dal 1958 al 1961, 1963, 1964 e 1970.

Moglie e figli

Essendo stato una delle personalità più influenti, lo stesso Pelè ha dichiarato di non essere certo di quanti figli avesse avuto. Quelli riconosciuti sono Kelly, Edinho, Jennifer, e le gemelle Joshua e Celeste, nati dai suoi primi due matrimoni con Rosemeri dos Reis Cholbi e Assiria Lemos Seixas. Alcuni anni fa l’ex asso brasiliano si è risposato con Marcia Aoki.

Leggi anche:  “È morta sul colpo”. Tragico destino per la 22enne già famosa. Ferito il fidanzato, era con lei

Oggi si parla di Messi e Cristiano. In precedenza si trattava di Maradona e del suo gol da centrocampo. Raramente sentiamo parlare della visione e della tecnica di Pirlo, Beckham e Zidane. Così come ne abbiamo sentito parlare, abbiamo parlato anche della magia di Ronaldinho o del Fenomeno . Ma in questa lista ti dirò perché Pelé è migliore di ognuno di loro. Se alla fine non ti convinco, ti invito a guardare il video “Pelé, l’ha fatto 50 anni fa”.

1. I SUOI PIÙ DI MILLE GOL

Proprio così, più di mille gol segnati Pelé. È una cifra grossolanamente esagerata e non è stata ancora superata da nessun altro. Inoltre, aggiungi la varietà e lo stile degli obiettivi. Possiamo vedere Messi prendere in giro mezzo mondo, ma non abbiamo mai visto un gol cileno, qualcosa che il brasiliano è riuscito a raggiungere. Ha anche visto gol in pallone come quello di Beckham, buoni colpi di testa come Cristiano e persino popcorn . Era un calciatore completo in grado di segnare tutti i tipi di gol.

2. RISULTATI E TROFEI

Ha una vetrina di trofei, campionati e successi che è molto difficile da pareggiare. Non dimentichiamo che O Rei ha vinto quasi tutto: competizioni locali e internazionali con il Santos e tre Mondiali. Hai avuto tre coppe del mondo di recente?

3. L’AMBIENTE DI GIOCO 

Molti, molti anni fa, le condizioni di gioco erano molto diverse da quelle odierne. Per cominciare, la palla era più pesante e più dura. I campi non erano particolarmente curati e, soprattutto, il calcio era molto più aggressivo. Nonostante tutto, Pelé ha avuto l’opportunità di eccellere; i suoi colpi erano uguali o più potenti di quelli di Cristiano e le sue capacità di dribbling erano molto simili a quelle di Messi. Il brasiliano ha sopportato calci e falli degli avversari, non ha mai mollato e la sua determinazione è stata incredibile. Il Signore non è chiamato Re per qualcosa .

4. CREAZIONE, ASSISTENZA E OBIETTIVO

Don Edson è stato un grande sostenitore. La sua visione del campo era impressionante. Ha creato, partecipato e segnato, cosa si può chiedere di più a un calciatore? Forse il dribbling ei suoi passaggi sembravano meno estetici di quanto non lo siano oggi, tuttavia, non possiamo negare che fosse un genio molto più avanti dei suoi tempi.

5. SENZA PELÉ, IL CALCIO NON SAREBBE LO STESSO

Come accennavo nel punto precedente, l’uomo era in anticipo sui tempi e oso dirlo perché tutto quello che vediamo oggi, lo faceva già da tempo: le biciclette di Cristiano, le finte di Messi, i passaggi della magia di Ronaldinho e l’eleganza di Zidane. Tutto quello che avevo già mostrato. 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 Newsitaliane -