Paola Quattrini: chi è, età, marito Luciano Appignani, carriera, figlia Selvaggia e vita privata

La carriera da bambini della quattrini è di grande successo. A 8 anni è protagonista di  Cavallo a dondolo a fianco di Corrado, e in teatro a dieci anni ne Il potere e la gloria di  Graham Greene, per la regia di Luigi Squarzina. Si farà largo anche nel mondo del doppiaggio dando, ad esempio, la voce al personaggio di Daphne nella serie a cartoni animati Scooby-Doo.

Non conosciamo molti dettagli sulla vita privata di Paola Quattrini, se non che è stata sposata per due volte. La sua carriera, davvero florida e ricca di successi, è iniziata davvero presto, ancora quando era una bambina, recitando nel film “Il bacio di una morta” quando aveva soltanto 4 anni. Dopo aver recitato in altri film di successo, è diventata famosa per aver doppiato e dato la voce a Daphne nel cartone animato Scooby-Doo.

Non solo doppiaggio e cinema, ma anche teatro: i suoi ruoli più famosi sono stati in La bomba, Panagulis vive e soprattutto Di padre in figlio, di Vittorio Gassman.

In teatro, invece, ha lavorato soprattutto nelle commedie, tra le quali si ricordano Il gufo e la gattina, Se devi dire una bugia dilla grossa e molte altre. Ha vinto anche un Nastro D’Argento come migliore attrice non protagonista per il film di Pupi Avati Fratelli e Sorelle, dove interpretava il personaggio di Lea.

Paola Quattrini ha una figlia, Selvaggia Quattrini, figlia sua e di Luciano Appignani, che è anche lei riuscita a diventare un’attrice di successo

Qualche giorno prima del lockdown aveva iniziato il tour con “Se devi dire una bugia dilla grossa”, spettacolo che ha già interpretato in passato altre due volte sempre nel ruolo di Natalia. Cosa la affascina maggiormente di questa pièce?

“E’ incredibile il fatto che la stessa attrice riesca a rivestire lo stesso ruolo per tre volte. Io interpreto sempre Natalia, questa volta al fianco di Antonio Catania e Paola Barale, è una farsa spassosa che in passato è stato un grande cavallo di battaglia di Dorelli e Jannuzzo. Quando mi hanno chiesto di prendere parte allo spettacolo per la terza volta mi sono domandata come fosse possibile. Mi aiuta il fisico che ancora regge, ho la stessa taglia di trenta anni fa… non so se sia grazie alla ginnastica, all’alimentazione o alla passione per il teatro… Mi affascina vedere la gente che ride di gusto, che partecipa così tanto a questa grande festa. E’ uno spettacolo che non lancia messaggi, si va a vederlo per divertirsi e ci divertiamo anche noi. Sembra facile ma dietro c’è una grande costruzione”.

Leggi anche:  Avete mai visto la moglie di Woody Allen? Età, figli e vita privata

Nella sua straordinaria carriera ha interpretato film e spettacoli teatrali di successo. C’è un ruolo a cui è più legata?

“Io sono stranamente legata a due lavori drammatici, nonostante mi dicano tutti che sono la regina della commedia brillante, grazie al grande Pietro Garinei che mi ha regalato tanti splendidi personaggi e che poi ho “tradito” per fare uno spettacolo di Dostojevski tanto che lui non capiva come mai avessi fatto questa scelta. Ho bisogno di alimentare la mia anima anche facendo piangere il pubblico e piangendo perchè la vita non è fatta solo di risate e per far ridere come intendo io, non in maniera stupida ma sincera, bisogna passare da vari stati d’animo. Alla leggerezza si arriva dopo il dramma, bisogna provare tanti colori.

Gli spettacoli a cui sono più legata sono “Un tram che si chiama desiderio” e la commedia attuale che mi vede in scena da sola, “Oggi è già domani”, che riproporrò a breve e che interpreto da tempo. E’ un testo bellissimo che ha vinto tanti premi a Londra e che Garinei ha scelto per me, racconta la storia di Dora Valente in cui tante donne possono riconoscersi. Infatti quando vengono a teatro alla fine mi vedono come un’eroina, perchè è un personaggio simbolo del riscatto femminile dalla propria condizione di vita e della capacità di ritrovare se stesse. L’idea di poter dare un messaggio così forte mi piace. Una donna ha diritto ad essere felice e anche se vive in un piccolo centro deve tirare fuori le unghie e farsi rispettare. E poi ho amato tantissimo il film di Pupi Avati “Fratelli e sorelle”, una parte drammatica che mi ha permesso di vincere il Nastro d’argento come miglior attrice non protagonista”.

Leggi anche:  La bomba sexy di Marialuisa Jacobelli, chi è che ha sedotto Kylian Mbappé

Ha iniziato a recitare a soli quattro anni nel film Il bacio di una morta di Guido Brignone, come si è avvicinata al mondo dello spettacolo?

“E’ stato un caso, le mie zie erano cassiere al Teatro Quirino di Roma dove a marzo dovrei riportare “Se devi dire una bugia dilla grossa” e ogni volta che entro lì è un’emozione forte perchè riaffiorano i ricordi. Un giorno ero alla cassa e un regista mi ha notato perchè parlavo con molta disinvoltura e ha chiesto a mia madre se potessi fare un provino per un film. Ero naturalmente brava, non mi hanno insegnato niente ma avevo questo dono della recitazione tanto che mi chiamavano la Shirley Temple italiana. Crescendo penso di avere sempre conservato questo dono con più consapevolezza. Da bambina, comunque, quando mi chiedevano cosa volessi fare da grande rispondevo la ballerina”.

Tra i grandi personaggi con cui ha lavorato c’è anche Vittorio Gassmann che l’ha diretta nel film “Di padre in figlio”. Le va di regalarci un ricordo del Mattatore, di cui nel 2020 ricorre il ventennale della scomparsa?

“La cosa che più mi colpiva di Vittorio era la sua timidezza, sembrava una persona molto austera, distaccata, severa, sempre presa dai suoi pensieri. Era uno tosto, anche con se stesso e so che era un padre esigente. Io avevo un’incredibile ammirazione per lui e ho adorato tantissimi suoi film, soprattutto quelli comici”.

Tra le esperienze fatte nella sua carriera c’è anche quella del doppiaggio, come ad esempio Daphne, nel cartone animato “Scooby-Doo”… 

“Ho lasciato il doppiaggio di mia volontà perchè lavoravo tantissimo tra radio, tv, teatro e ho dovuto rinunciare a qualcosa. E poi non mi piace stare da sola in una stanza buia per molto tempo. Mia figlia invece ha seguito questa strada ed è tra le doppiatrici italiane più affermate, ma io non l’ho spinta a intraprendere questa professione. Un giorno per caso un amico, Giorgio Siravo, le ha chiesto di accompagnarlo in sala doppiaggio, ha fatto una prova, e devo dire che è molto brava”.

Leggi anche:  Guenda e Gian Amedeo Goria: chi sono i figli di Maria Teresa Ruta, età, carriera, vita privata

Cosa rappresenta per lei il teatro?

“Il teatro è la mia vita, la mia ragione di vita, la mia vera identità, mi ha fatto diventare quella che sono oggi e devo dire mi piaccio come persona. Sono cresciuta anche grazie al teatro, ai ruoli diversi che ho interpretato, ho ritrovato me stessa e mi ha permesso di regalare emozioni e sentire il brivido del pubblico. Un momento che adoro è quando vado sul palco prima che inizi lo spettacolo, sento il brusio della gente e intuisco da dietro il sipario come sarà la serata. Questo mi elettrizza e mi fa sentire giovane e vitale. Il teatro è per me un grande amore”.

In quali progetti sarà prossimamente impegnata?

“Con “Se devi dire una bugia dilla grossa gireremo” da gennaio tutta l’Italia, a dicembre sarò in scena con “Oggi è già domani” a Roma, al Manzoni, mentre domenica 26 luglio sarò a Frosinone con uno spettacolo che ho costruito da poco, con l’entusiasmo della produttrice Marioletta Bideri e i testi di Marina Pizzi, che si chiama “Nevrotica presente”, con donne diverse tra loro che si raccontano. Saremo poi in Calabria e a Napoli. Inoltre reciterò in un corto con la regia di Andrea Marrari, con il quale mi ha messo in contatto il mio stilista e amico Marco Coretti. Gireremo di domenica e collaboreranno grandi nomi del cinema italiano tra cui una truccatrice Premio Oscar. Il corto sarà poi presentato al Vertical Movie Festival a Roma il 5 settembre e in altre kermesse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *