Skip to content

Piera Maggio, chi è la mamma di Denise Pipitone? età, figli e vita privata

La conosciamo tutti, Piera maggio è la coraggiosa mamma di Denise Pipitone scomparsa ormai da oltre 17 anni a Mazara del Vallo. Denise Pipitone è nata nell’amore con Piero Pulizzi, multimedia fermano che la loro relazione nacque clandestinamente, ma queste sono solo voci di popolo, quello che conta realmente per Piera Maggio e per il suo avvocato Frazzitta è ritrovare Denise Pipitone. Cerchiamo di scoprire qualcosa in più sulla coraggiosa mamma di Denise.

Piera Maggio è nata nel 1961 attualmente ha 50 anni e quest’anno ne compila 51. La sua vita diventa un inferno dal primo settembre 2004 quando la dolcissima Denise Pipitone è scomparsa presumibilmente rapita a Mazara del Vallo mentre era affidata alla nonna. Piera Maggio non ha mai perso la speranza di ritrovare sua figlia, si è recata in molti posti del mondo per via di molte segnalazioni che mostravano la somiglianza di alcune bambine con Denise.

Leggi anche:  Uccide la moglie e la figlia, 70enne ha vegliato i cadaveri per ore prima di suicidarsi: «Troppe liti»

Da un mese a questa parte la storia di Denise Pipitone è ritornata agli onori della cronaca da quando una ragazza russa di nome Olesya Rostova si era fatta avanti e sembrava essere molto somigliante con la bambina scomparsa.

Ora tutte le luci sono riaccese sul caso di Denise Pipitone e tutti cercano la bambina che è oramai definita la figlia d’Italia. Anche Pietro Pulizzi, il padre di Denise la cerca disperatamente.

Mamma Piera in questi giorni è molto provata perché, a 17 anni dalla scomparsa di Denise, la Procura di Marsala ha riaperto le indagini, a seguito delle dichiarazioni rese dal pubblico ministero che per primo si occupò del caso, Maria Angioni. Il magistrato è stato anche in Procura nei giorni scorsi e ha confermato che nell’inchiesta, all’epoca della scomparsa di Denise, ci furono clamorosi errori e omissioni. Insomma, Maria Angioni avrebbe fatto intendere che qualcuno per diverso tempo potrebbe aver ostacolato la verità. Ecco le sue inquietanti parole:

Leggi anche:  Pescara, entra nel negozio di intimo e tenta di far sesso con i manichini: ubriaco allontanato dai clienti

«Quell’inchiesta era un terreno minato. Non si riusciva a fare niente. Ovunque mi girassi incontravo difficoltà. Come quando venni interrotta da un esponente delle forze dell’ordine, mentre stavo interrogando una persona che mi stava dando notizie molto interessanti: fece di tutto per distruggere quella pista. Quella volta mi spaventai davvero». All’epoca della scomparsa di Denise le indagini si concentrarono su alcune persone che avevano già minacciato Piera Maggio e avevano manifestato il loro disprezzo nei suoi confronti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *