Skip to content

Roberto Baggio: età, moglie, figli, malattia, patrimonio, vita privata, carriera e film

Roberto Baggio è nato il 18 febbraio 1967 in via Marconi de Caldogno in provincia di Vicenza. È il sesto di otto figli di Florindo Baggio e Matilde Rizzotto: Gianna, Walter, Carla, Giorgio, Anna Maria, Roberto, Nadia ed Eddy. Non ha parentela con l’ex calciatore Dino Baggio.

È sposato con Andreína Fabbi, dalla quale ha avuto 3 figli: Valentina (2-12-1990), Mattia (12-5-1994) e Leonardo (3-3-2005).

Il 16 ottobre 2002 RobertoBaggio è stato nominato Ambasciatore di Buona Volontà dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO).

Il 14 febbraio 2013 partecipa a uno dei gala del Festival di Sanremo. Lì è stato intervistato dal presentatore televisivo italiano Fabio Fazio e ha anche letto una lettera indirizzata soprattutto ai giovani. Durante l’intervista è stato visto un video in cui è stato accolto da Aung San Suu Kyi.

Primi annie

Vicenza e Fiorentina

Baggio ha iniziato la sua carriera sportiva a Vicenza nel 1982. La Fiorentina lo firmò nel 1985; nei suoi anni al club viola, Baggio era considerato dai suoi tifosi come uno dei migliori giocatori a indossare quella maglia. Baggio ha debuttato in Serie A nel 1986 contro la Sampdoria, segnando il suo primo gol nel maggio 1987 contro il Napolitanos nella partita del Napoli contro il Napoli.

JuventusFC

Nel 1990, Baggio viene acquisita dalla Juventus, per sfortuna dei tifosi della Fiorentina, per 10 milioni di euro, un record di trasferimenti. Dopo il trasferimento, ci sono stati anche disordini per le strade di Firenze. Quando ha giocato la sua prima partita da bianconero contro la Fiorentina, Baggio si è rifiutato di calciare un rigore, affermando: “Mi sono allenato molto con Mareggini e sa benissimo come calciare i rigori”. Nel 1993, Baggio vinse la Coppa UEFA con la Juventus, e vinse anche il Pallone d’Oro e il Fifa World Player quell’anno. Nel 1995 ha vinto il suo primo e unico Scudetto da juventino, oltre alla Coppa Italia.

Leggi anche:  Emma Marrone in barca col fidanzato misterioso?

Milan, Bologna e Inter

Nel 1995, dopo essere stato sotto stretta pressione dal presidente del Milan Silvio Berlusconi, Baggio firmò per il club rossonero, dopo aver ricevuto offerte anche dal Manchester United e dal Blackburn Rovers. Nei suoi due anni da milanese, Baggio conquistò uno Scudetto. Lì incontrò altri grandi calciatori come George Weah o Dejan Savicevic.

Nel 1997 viene trasferito a Bologna; nel club rimase per una sola stagione, poiché dopo i Mondiali del 1998 firmò per l’Inter. Baggio ha sempre considerato questa una cattiva decisione in carriera, in quanto è stato rimosso dal titolo dall’allenatore Marcello Lippi. Baggio dice che era per fare commenti negativi su di lui, e notò che Lippi gli chiese di spiare i suoi coetanei che rifiutò. L’Inter delle stagioni 1999-2000 e 2000-2001 è stata una squadra di stelle come Ronaldo, Vieri, Zamorano, Zanetti, Peruzzi, tuttavia, in campo i risultati non erano come previsto. Dopo solo due stagioni da nerazzurro e a causa di cattivi rapporti con Lippi, Baggio decise di lasciare il club lombardo.

 Brescia

Nel 2000 Baggio firmò con il Brescia. All’inizio della stagione 2001-02 ha segnato 8 gol in 9 partite, ma è stato infortunato dal menisco e dal legamento crociato della gamba sinistra; a causa di questo infortunio, Baggio trascorse 76 giorni fuori dal campo. Tornò in una partita contro una delle sue squadre precedenti: il Bologna Football Club.

Leggi anche:  Questa donna ha 70 anni (ma ne dimostra 30). E ora svela a tutte il suo segreto (choc)

Baggio mantenne un livello accettabile in tutti i suoi anni a Brescia, fino al suo ritiro nel 2004. Ha giocato la sua ultima partita a San Siro contro il Milan; all’88’ l’allenatore del Brescia decide di sostituirlo per ricevere una standing ovation dal pubblico. Baggio si è ritirato dopo aver segnato 205 gol nel corso della sua carriera in Serie A, il sesto record più alto dietro Silvio Piola, Gunnar Nordahl, Giuseppe Meazza, Francesco Totti e José Altafini. La sua maglia con il numero 10 è stata rimossa dal Brescia.

Selezione

Baggio ha segnato 27 gol in 56 partite con la Nazionale italiana di calcio, la quarta più alta della storia azzurra. È anche l’unico giocatore italiano ad aver giocato e segnato in 3 mondi, con un totale di 9 gol, insieme a Paolo Rossi, ma Baggio non ha mai vinto alcun titolo con la sua squadra.

Baggio giocò per l’Italia ai Mondiali del 1990 con il ruolo di sostituto segnando il “gol della Coppa del Mondo” contro la Cecoslovacchia nella fase a gironi. Con il passaggio del campionato, Baggio ha conquistato la posizione di titolare e ha formato un ottimo paio con Salvatore Schillaci. Ha segnato un altro gol nella partita di consolazione contro l’Inghilterra.

Baggio raggiunse i Mondiali del 1994 come leader della nazionale azzurra, dopo un deludente inizio di campionato, Baggio segnò i due gol con cui l’Italia batté la Nigeria all’ottavo turno, poi segnò uno dei gol con cui sconfisse la Spagna nei quarti di finale (l’altro gol fu segnato da Dino Baggio)e segnò anche i due gol con cui gli azzurri sconfissero la Bulgaria in semifinale. Nella finale contro il Brasile ha saltato l’ultimo calcio di rigore con cui i brasiliani hanno vinto il Mondiale.

Leggi anche:  La disperazione di Emilio Fede: “Prendo 8mila euro al mese ma non mi bastano”

Nella prima partita italiana ai Mondiali del 1998 contro il Cile, Vieri segnò un pass da Baggio e segnò un rigore per 2-2. Ha anche segnato un gol nella partita di qualificazione contro l’Austria. Questa volta l’Italia è stata eliminata nei quarti dalla Francia dopo i calci di rigore, questa volta Baggio ha trasformato il suo rigore anche se alla fine non sarebbe stato di alcuna importanza.

Il nazionalista italiano Dino Zoff non convocò Baggio, per Euro 2000,come Giovanni Trapattoni convocò per i Mondiali del 2002,questa decisione fu pesantemente criticata dall’Italia, dimostrando che purtroppo pochissimi calciatori che debuttarono nel 1990 non riuscirono a raggiungere i primi Mondiali del XXI secolo che fu il 2002, rimanendo nel 1998 come loro terzo mondiale dopo il 1994. Poco dopo, Baggio ha accennato al suo ultimo ritiro dalla Nazionale dicendo: “Dopo due anni, ho deciso di rimanere in Italia, scegliendo Brescia e Mazzone per cercare di guadagnarmi un posto ai Mondiali”.

Ha giocato per la Nazionale italiana dal 1988 al 1999, essendo stato convocato un’ultima volta nel 2004 per giocare un’amichevole contro la nazionale spagnola, il 28 aprile, allo stadio Luigi Ferraris di Genova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *