Skip to content

Oltre 30 ore sotto le macerie, Ettore è vivo. L’abbraccio dei soccorritori: “Un miracolo”

È morto sotto le macerie il bimbo di 4 anni disperso nel crollo di una palazzina di due piani in strada del Bramafame, a Torino. Quando i vigili del fuoco sono riusciti a tirarlo fuori sono subito accorsi i sanitari del 118, ma purtroppo per il piccolo non c’era più nulla da fare. Non ci sarebbero altre persone sotto le macerie.

Quattro le persone, fra cui una donna e un ragazzo, estratte vive dai vigili del fuoco. Gli uomini del comando di Torino sono rimasti al lavoro anche con l’aiuto di un team Usar e dei cinofili. Terminate le operazioni di ricerca, proseguono quelle di bonifica e messa in sicurezza. Il nucleo Niat (nucleo investigativo antincendio) ha effettuato sopralluoghi e rilievi.

ettore cane vivo crollo torino

Secondo le prime informazioni a provocare il crollo sarebbe stata un’esplosione. Sul posto c’è anche il nucleo Nbcr che ha eseguito le verifiche su possibili fughe di gas. ”Con riferimento al crollo della palazzina avvenuto stamattina a Torino, in via Bramafame 42” Italgas fa sapere che ”l’immobile non era servito dalla rete di distribuzione cittadina del metano”. ”Si esclude, dunque, che l’eventuale dispersione possa essersi originata da impianti del gas gestiti da Italgas”, sottolinea l’azienda.

ettore cane vivo crollo torino

Dopo la morte del piccolo Aron, di soli quattro anni, i soccorritori hanno trovato il cane che risultava disperso nel crollo. Ettore, la cui scomparsa era stata segnalata nella tarda mattinata di martedì è apparso in buono stato di salute ed stato affidato alle cure dei veterinari. Il cucciolo era stato adottato da una delle famiglie che vivevano nel palazzo.

Leggi anche:  Addio a Cristina e Boris. Sposati da poco, fatale lo schianto in moto: avevano 26 e 29 anni

È rimasto oltre 30 ore sotto le macerie. Nella tragedia ha perso la vita un bambino di 4 anni, Aron, e sono rimaste ferite tre persone, fra cui la mamma del piccolo, salvata dai vigili del fuoco. Restano ricoverati all’ospedale Cto gli altri due giovani feriti, entrambi con prognosi riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *