Skip to content

Ancora sangue sulle strade. Marco, morto a 45 anni in sella al suo motorino

Stava viaggiando con il suo motorino Piaggio Ciao quando improvvisamente ha perso il controllo del mezzo ed è finito a terra. Cadendo ha sbattuto violentemente la testa e per Marco Lunardelli, 45 anni, non c’è stato nulla da fare. Il tragico incidente è avvenuto nel pomeriggio di sabato 28 agosto a Motta di Livenza, provincia di Treviso. Quando gli operatori del 118 sono arrivati sul luogo del sinistro, nel quartiere San Giovanni, non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell’uomo.

Marco stava percorrendo via Madonna della Seggiola quando, per cause in corso di accertamento, all’altezza di una curva è caduto. I soccorsi sono arrivati in poco tempo. Il Suem 118 è giunto sul posto con un’ambulanza e un elisoccorso di Treviso Emergenza. Ma le condizioni dell’uomo erano troppo gravi e non è stato possibile salvarlo.

Leggi anche:  Italia in lutto, l’artista stroncato dal Covid. Una vita accanto ai più grandi: “Te ne sei andato ma ci sei”

Sul luogo dell’incidente sono arrivati anche i carabinieri che hanno effettuato tutti i rilievi del caso per cercare di ricostruire la dinamica dei fatti. Marco Lunardelli era molto noto in zona, era titolare dell’omonima agenzia di onoranze funebri di Motta. Secondo le prime ipotesi la causa della morte potrebbe non essere imputabile alle ferite riportate nella caduta. Il 45enne sarebbe infatti stato colpito da un infarto mentre era in sella al suo motorino.

La salma di Marco Lunardelli, morto sabato 28 agosto, è stata portata dopo il recupero nell’ospedale di Oderzo. Purtroppo quello di Marco non è stato l’unico incidente avvenuto in zona negli ultimi giorni. Giovedì 26 agosto, intorno alle 19, all’altezza del sottopassaggio ferroviario tra via IV novembre e via Postumia tre automobili si sono scontrate

Leggi anche:  La gita nel bosco finisce in tragedia: Simona, sbranata da dieci cani randagi. Aveva solo 20 anni

I danni maggiori sono stati quelli riportati all’altezza del vano motore dalla conducente di una Renault Clio. Fortunatamente non ci sono state conseguenze gravi per la salute delle persone coinvolte. La ragazza è stata ricoverata all’ospedale di Oderzo per accertamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *