Skip to content

“Addio, Rosario”. Morto mentre fa jogging ex calciatore di 55 anni: inutili i tentativi di rianimarlo

Lutto nel mondo del calcio campano: è morto a Marano di Napoli, all’altezza di via San Rocco, un podista di 55 anni. L’uomo – Rosario Schiattarella, ex calciatore – ha accusato un malore, probabilmente un infarto, mentre si accingeva a superare il ristorante La Bianchina. Naturalmente sul posto – dopo la segnalazione di alcuni passanti – sono intervenute due ambulanze, ma le manovre di rianimazione messe in atto dai sanitari non hanno sortito gli effetti sperati.

Rosario Schiattarella, il dolore della famiglia

Sul luogo della tragedia, l’ennesima di questi ultimi tempi in quella zona della città, sono accorsi tutti i familiari della vittima, molto nota a Marano.L’uomo era in perfetta salute. Rosario Schiattarella, che ha praticato sport anche dopo la conclusione della carriera calcistica, si è accasciato improvvisamente al suolo. Inutili sono risultati i tentativi per rianimarlo. Ma non è l’unico lutto che ha sconvolto il calcio, soprattutto quello campano.

Leggi anche:  “Tra poco potranno farlo”. Omicidio Sarah Scazzi, Sabrina e Cosima Misseri: la notizia a quasi 11 anni dal delitto

Ma non è finita qua. Anche Gigio Donnarumma, portiere della nazionale e campione europeo, ha dovuto affrontare un evento terribile come la morte improvvisa di una persona a lui particolarmente cara. Si tratta dello zio, Ferdinando Gargiulo, che si è spento lo scorsa notte a seguito di un infarto, sopraggiunto mentre si trovava sul posto di lavoro, da cui è stato immediatamente portato alla struttura ospedaliera più vicina. Probabilmente proprio come Rosario Schiattarella.

“Giggì semb numero 1” Sempre con me zio Ferdi ti renderò orgoglioso lo prometto” ha scritto il portiere azzurro accanto ad una foto che lo vede accanto allo zio e a suo fratello. Ma Ferdinando Gargiulio, 65 anni, è morto improvvisamente stroncato da un infarto, che lo ha colpito mentre si trovava sul posto di lavoro.

Leggi anche:  Silvio Berlusconi ricoverato al San Raffaele: “Necessaria una valutazione clinica approfondita”

Era vigile urbano nel comune di Santa Maria la Carità, e dopo il malore è stato subito portato all’ospedale di Castellammare di Stabia, dove è deceduto poco dopo il ricovero. Stando a quanto dichiarato dalla famiglia, Gargiulo aveva problemi di colecisti, ragion per cui i familiari hanno deciso di sporgere denuncia ai carabinieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *