Luciano Pavarotti, chi è il marito di Nicoletta Mantovani, età, figli, vita privata, malattia

di | Dicembre 3, 2021

Hugo è un Golden Retriever di 11 mesi con una sensibilità speciale per la musica del compianto tenore Luciano Pavarotti. Victoria Fox, la sua proprietaria, ha deciso di filmare la reazione di Hugo all'ascolto di un'esibizione dell'iconica cantante lirica. Non appena Vittoria indossò il famoso Nessun Dorma, Hugo, che era distratto guardando fuori dalla porta che conduce al cortile della sua casa in Inghilterra, cominciò a riscaldare le sue corde vocali con lievi ululati.

Poi, il cane si avvicinò alla TV e si sedette davanti allo schermo per cantare con il titano dell'opera seguendo il ritmo e la melodia della canzone con ululati.

Questo lunedì, una festa in Argentina, segna l'85 ° anniversario della nascita del tenore nato il 12 ottobre 1935 a Modena, in Italia. La sua voce si è uscita per sempre il 6 settembre 2007, all'età di 71 anni, sulla scia di un cancro al pancreas. Lo ricordiamo in cinque grandi pietre miliari della sua vita e del suo lavoro.

Hugo e Luciano, nel tentativo di mettere insieme qualcosa come un duo,

Pasta

Un cappello da cuoco accanto alla sua collezione di cappelli. Questo è ciò che è stato esposto, l'anno dopo la sua morte, nell'ambito di una mostra a Roma che includeva foto, costumi e oggetti preferiti che rivelavano aspetti della sua vita quotidiana. Il buon cibo era tutto per chi, pur vivendo sotto diete di ogni tipo, durante i tour si preparava le paste, il suo piatto preferito, accompagnato da manzo, pesce o pollo.

Domenico Dolce e Stefano Gabbana (Dolce & Gabbana): "Luciano Pavarotti ha cucinato per noi a casa", ha detto il duo (un duetto), raccontando un incontro coronato da un immenso piatto di spaghetti ai funghi.

Nel 1987, Pavarotti ha soggiornato al Plaza Hotel di Buenos Aires. Hanno prenotato la "suite diplomatica", che aveva una cucina inclusa, uno dei requisiti del tenore quando si soggiorna in posti strani in tutto il mondo. Hai cucinato la tua pasta? Non era necessario: divenne un tale amico degli chef di quel tempo che li incontrò direttamente nella cucina dell'hotel. Da questi raduni è nata la salsa Pavarotti, a base di funghi, champagne e cipolla verde.

Leggi anche:  Will Smith ha un camper di lusso del valore di 2,5 milioni con cinema e sauna

I Tre Tenori

Questo era il nome di un gruppo vocale composto da Pavarotti, José Carreras e Plácido Domingo. Hanno offerto una serie di concerti tra il 1990 e l'inizio del XXI secolo. Il suo repertorio trascendeva l'opera con spettacoli di Broadway su canzoni napoletane e alcuni successi della musica pop.

In tutto il mondo, quell'incontro è stato considerato "un terremoto" e sono stati descritti come "i promotori di testi popolari". Carreras-Domingo-Pavarotti: I tre tenori in concerto. L'incontro del 7 luglio 1990 ha cambiato la storia della musica classica. Quell'album non solo ha vinto un Grammy Award per la migliore performance vocale, ma detiene un record mondiale che è andato dritto al Guinness: il disco di musica classica più venduto nella storia.

Tuttavia, più di un purista pignolo ha condannato l'iniziativa, dicendo che la musica classica "non poteva essere compresa dalle grandi masse". Carreras si è schierato a nome dei tre: "Siamo stati i maggiori responsabili del fatto che l'opera raggiungesse un pubblico più ampio. Questo è innegabile e fondamentale".

Il dipinto è imperituro, con I Tre Tenori che cantano O Sole Mío fa già parte dell'immaginario collettivo di tutti i tempi. Con una trasmissione in diretta in 54 paesi, si ritiene che il concerto sia stato visto da 800 milioni di persone.

L'album ha venduto cinque milioni di copie tra Stati Uniti, Germania e Gran Bretagna ed è stato il numero 1 nelle vendite in Spagna, Australia e Regno Unito. Nel 1994, un giorno prima della Finale della Coppa del Mondo tra Italia e Brasile (Coppa del Mondo negli Stati Uniti), si esibirono in uno stadio di baseball di Los Angeles, con ospiti della statura di Frank Sinatra tra il pubblico.

La sua seconda moglie

È sorpreso dalla sua segretaria, Nicoletta Mantovani. Nel 1996 annuncia ufficialmente il divorzio da Adua Veroni e smette di nascondere la sua storia d'amore con Mantovani. Trentaquattro anni di distanza erano separati da voci crescenti come che lei voleva solo i suoi soldi. Come risultato della relazione, nasce Alice, la quarta figlia del tenore. In precedenza, Pavarotti era stato padre per tre con Veroni.

Leggi anche:  Kate Middleton i 40 anni di una futura Regina
Nicoletta Mantovani in mostra in omaggio a Pavarotti. Foto: AP.

"Era il mio grande compagno di vita, un grande insegnante. Mi ha sempre dato una visione che mi ha aiutato molto", ha detto Nicoletta. "Non averlo qui accanto è molto difficile, ma cerco di avere un atteggiamento positivo nei confronti della vita, di credere nelle persone e nelle cose buone. Luciano era una persona viva, che ha mantenuto il suo entusiasmo e la sua voglia di conoscere cose nuove fino alla fine. Mi diceva sempre: 'Non andare mai a letto senza imparare qualcosa di nuovo'".

Un altro ricordo della vedova per il giornale ABC di Spagna: "Quando era bambino, vedeva tutti cantare l'opera per strada. Era come la musica pop di oggi! Per lui, tutti dovevano conoscere e amare l'opera, indipendentemente dalla cultura o dalla classe sociale. Il suo obiettivo era quello di portarlo in tutto il mondo ed è per questo che ha cantato in così tanti stadi e luoghi importanti".

Nell'intervista a quel giornale, ha aggiunto che al di là dell'età, "il più piccolo dei due era lui: aveva uno sguardo da bambino che non ha mai perso. Era una persona molto onesta e gentile, e molte volte ho dovuto adottare un atteggiamento più tagliente. Anche se aveva 71 anni quando morì, era ancora molto giovane".

Con la Sosa sul campo del Boca

Aprile 1999. Mercedes Sosa veniva dal canto con Pablo Milanés in Colombia e aveva attraversato una condizione depressiva che colpiva il suo sistema digestivo. Aveva perso 32 chili. Veniva da un recital con gli altri due famosi tenori, ma aveva anche cantato con Bono degli U2, Elton John, le Spice Girls, Bon Jovi e Sheryl Crow.

Mecerdes Sosa y Luciano Pavarotti, duelo de titanes.

Le bancarelle costano 250 pesos. Più di 30.000 biglietti erano stati venduti. Da questo giornale, il critico musicale Mariano del Mazo ha parlato di "crossover di due paradigmi antagonisti". Nell'altro angolo, alcuni giornalisti hanno sbraitato: "È discutibile sostenere che Pava e Sosa cantavano insieme. Perché come l'acqua e l'olio, ognuno ha fatto la sua parte, e nei temi comuni si sono alternati cantando una parte ciascuno".

Leggi anche:  Adriana Volpe e Giancarlo Magalli continua tutto in tribunale

L'incontro è stato effettivamente fatto alla fine. In primo luogo, La ha realizzato frammenti della Messa creola di Ariel Ramírez, accogliendo Jaime Torres.

Poi è arrivato il set di Pavarotti, sul palco con frac nero e fiocco bianco, accanto alla Filarmonica di Buenos Aires. Matinatta, La Cirometta, Una lacrima furtiva... L'evento è stato senza dubbio seducente: nel calore delle masse, il tenore più popolare e il cantante. Tosca, Puccini e Violeta Parra, tutti strapazzati.

Re dell'acuto

Già da bambino attirava l'attenzione per la sua voce da contralto nel coro della chiesa. Ha anche cantato con il padre nel coro della Società Gioacchino Rossini. Ma all'età di 20 anni, Luciano iniziò i suoi studi seri con il tenore Arrigo Pola, che fu il suo grande maestro.

Luciano Pvarotti murió en 2007, víctima de cáncer. Tenía 71 años. 

Ha debuttato nel 1961 al Teatro Reggia Emilia, con il Rodolfo de 'La bohème'di Puccini e, fuori dall'Italia, a Dublino, con il Duca di Mantova de Rigoletto. Il successo era dietro l'angolo e da lì viaggiò per esibirsi a Vienna, Amsterdam, Zurigo e Londra, fino ad arrivare alla Scala di Milano nel centenario di Arturo Toscanini.

In quegli anni orienta la sua carriera verso il belcantismo e forma un duo con il soprano Joan Sutherland, lei stessa australiana, per interpretare diverse opere negli Stati Uniti.

La gloria definitiva gli arriva nel 1966 quando si esibisce al Covent Garden di Londra, dove gli viene conferito il titolo di 'Re dell'ottava C' e 'Re della C affilata'. Poco dopo, al Metropolitan Opera House di New York, fu benedetto dopo La fille du régiment di Donizetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *