Quanti soldi ha e per cosa li spende il principe Carlo, l'eterno erede che avrà il suo canale su Amazon Prime

Carlo di Galles, l'eterno erede al trono con più di 70 anni, abbiamo visto in questi giorni difendere gli obiettivi del cambiamento climatico – che è stato uno dei grandi pilastri della sua immagine pubblica per più di tre decenni. Quest'ultima volta è stato durante l'apertura ufficiale del vertice sul clima COP26, nella città scozzese di Glasgow.

Lo ha detto forte e chiaro: "il riscaldamento globale è la minaccia esistenziale" che affrontiamo, anche più grande della pandemia di COVID-19. Ed è la scommessa sul volto più verde del principe Carlo che vedremo giorno sì, giorno anche dal suo canale televisivo RE:TV su Amazon Prime, nei prossimi mesi, per il quale non fa pagare una sterlina.

Anche se alcuni indicano che si tratta di una strategia per oscurare il Duca e la Duchessa di Sussex, che hanno già un proprio canale Netflix, in un comunicato stampa rilasciato dalla Casa Reale, Caros de Inglaterra ha dichiarato: "Ho passato gran parte della mia vita cercando di coinvolgere persone e aziende con i problemi e le soluzioni della crisi climatica". quindi poter diffondere "le soluzioni più stimolanti per la sostenibilità da tutto il mondo" è un incentivo.

Considerato dai suoi stessi genitori come "troppo sensibile per essere re", la sua infanzia è quella di un bambino cresciuto senza il calore diretto della madre, che ha descritto a volte come "distaccato" e sempre di fronte alla "durezza" di suo padre. Infelice, timido, e sempre ignorato dalla Casa Reale, anche il cattivo nel film nel triste episodio della sua vita coniugale dopo la morte di Lady Di, la verità è che la complicata esistenza di Carlo di Galles è ritratta alle mille meraviglie nell'acclamata serie di The Crown. E la sua eterna attesa per il trono, almeno, ora lo vive con la donna che ha considerato la sua compagna di vita: Camilla Parker.

È vero che tutta questa miseria è sempre stata accompagnata da un'enorme fortuna, stimata in 100 milioni di sterline,di cui la maggior parte dei profitti provengono direttamente dal Ducato di Cornovaglia, più di 20 milioni di sterline all'anno. Succede a causa di una vecchia legge in base alla quale il primogenito di Elisabetta II è un beneficiario del patrimonio dei residenti della Cornovaglia che muoiono senza discendenti – anche se nel resto del paese quel denaro andrebbe al Tesoro pubblico. Vuoi sapere per cosa il principe Carlo spende i suoi soldi?

Leggi anche:  Caparezza lascia tutti senza parole: «Sono malato, faccio gli ultimi 20 concerti e smetto»

Per cosa Carlo di Galles spende i suoi soldi

Case e più case, comprare e vendere

Chi lo conosce da vicino dice che la sua intenzione quando sarà re è quella di trasferirsi a Buckingam Palace, riorganizzare le numerose residenze reali e, insieme a Camilla, occupare poco più di un ampio appartamento all'interno di questo palazzo che attualmente conta 52 stanze.

La riorganizzazione sembra essere già iniziata. E l'anno scorso ha venduto per 4,1 milioni di euro Bolehyde Manor,la casa di campagna in cui avrebbe corteggiato Diana del Galles, nel piccolo villaggio di Allington, nella contea del Wiltshire, nel sud dell'Inghilterra; e in cui, curiosamente, Camilla viveva anche con il suo primo marito, con otto camere da letto, piscina e persino campo da tennis.

Oggi la coppia risiede a Clarence House, a Londra, in una casa del 1825, dove hanno vissuto diversi reali. Negli ultimi anni, i principi hanno deciso di aprire una parte della casa al turismo e dare vita a un tour privato a beneficio della Royal Osteoporosis Society. A proposito, il giardino di Clarence House è stato progettato dallo stesso Carlo del Galles, che è un grande fan del giardinaggio.

Un'altra delle sue proprietà mitiche è Highgrove House, la casa di campagna sostenibile del principe Carlo,un edificio settecentesco nella contea del Gloucestershire che è stato acquistato un anno prima del suo matrimonio con Diana del Galles per un milione di sterline ed è stato rinnovato a suo piacimento. La casa ha un padiglione per alveari, un pollaio reale, un recinto per il bestiame e, naturalmente, pannelli solari, caminetti per riscaldarlo e rifiuti rimossi attraverso un sistema fognario naturale.

Leggi anche:  Elisabetta Gregoraci è single: “Con un ex marito famoso e un figlio adolescente non è facile”

Un altro dei suoi preferiti è Birkhall, la casa in Scozia che ha ereditato dalla nonna, dove si è occupato anche di progettare il giardino e dove hanno trascorso la crisi sanitaria. Dal 1715, fa parte del castello di Bamoral, il luogo preferito della Regina Madre.

E in questa lista non poteva mancare Dumfries House,in Scozia, una casa abbandonata a sud che ha acquistato all'asta e in cui ha investito per il suo restauro, direttamente dalla sua tasca, più di 50 milioni di euro. Si tratta di un palazzo settecentesco con 800 ettari intorno, in cui vengono organizzate feste e in cui Camila assicura che vive un fantasma.

Aerei e treni privati, maggiordomo e entourage... il lusso che meriti

Sebbene la serie The Crown descriva molto duramente il rapporto di Carlo del Galles con suo padre Filippo, fu suo padre che cercò senza successo di instillare in suo figlio (che vedeva come debole e non mascherato) valori di umiltà a forza di sangue – Carlo non avrebbe mai perdonato suo padre mandandolo a studiare alla Gordonstoun School in Scozia. invece di Eton–.

Come risultato di queste intime battaglie, Carlo divenne ancora più dipendente da quello che considera lo status di un principe. Alcune delle memorie più dure mai scritte su di lui raccontano come si rifiuti di viaggiare se non su aerei o treni privati, o come ogni volta che viaggia lo fa accompagnato da un maggiordomo, due assistenti fotografici, uno chef, la sua segretaria privata, un dattilografo e un entourage di guardie del corpo.

Investire in fondi di carbonio attraverso le Isole Cayman

Uno dei colpi più duri (un altro) della sua immagine negli ultimi anni – e che ha "salvato" – per lo scopo che quei milioni di euro apparentemente avevano è stato l'investimento di oltre 3 milioni di euro nelle Isole Cayman nel 2007. Tuttavia, a seguito dell'indagine Paradise Papers, queste mosse sono state segnalate come "legali", senza alcuna indicazione di evasione fiscale, alla società Sustainable Forestry Management Ltd.,che commercia in crediti di carbonio, un mercato creato da trattati internazionali per ridurre le emissioni che causano il riscaldamento globale.

Leggi anche:  Sandra Milo: «I 20enni mi scrivono che vorrebbero stare con me

È vero che dopo aver creato questa società, il principe Carlo ha apportato alcune modifiche al sistema di scambio di quote di emissione dell'Unione europea e al protocollo di Kyoto in modo che questi crediti di carbonio relativi alle foreste tropicali potessero essere scambiati.

La sua passione per le auto è ben nota, ma la sua collezione personale di veicoli di fascia alta ha una caratteristica distintiva per essere la più completa per quanto riguarda Aston Martin. Infatti, sua madre gliene regalò una per il suo 21° compleanno, una DB6 del 1969,la stessa che suo figlio William guidò al suo matrimonio con Kate Middleton. Inoltre, ogni tanto uno di questi modelli va all'asta. L'ultima, nel 2019, una Aston Martin Virage Volante convertibile del 1994 che ha guidato nel 2008.

Opere d'arte e contraffazioni

Appassionato d'arte, sebbene sia stato punteggiato da più di una trama di contraffazione (come quando 17 delle sue opere appese alle pareti di Dumfries Houses erano false), la verità è che Carlo di Galles ha fatto fortuna con l'arte. Non solo vendendo e comprando nelle aste opere d'arte altrui, anche dipingendo la propria, che gli hanno portato intorno ai 7 milioni di euro.

Il ricavato, 260.000 euro l'anno, va all'ente benefico prince's Trust per aiutare i giovani a non lavorare, e i loro acquerelli paesaggistici vengono venduti come churros alla Belgravia Gallery,in una zona esclusiva di Londra, dove avere un principe Carlo è d'obbligo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.