Gaia Maria Miracapillo avete mai visto la fidanzata di di Andrea Iannone? Chi è, vita privata e carriera

Si chiamerebbe Gaia Maria Miracapillo la nuova fidanzata di Andrea Iannone. Dopo aver archiviato le sue storie con Belen Rodriguez e Giulia De Lellis, adesso il pilota sembra aver ritrovato il sorriso al fianco di un'altra donna. Secondo gli appassionati del gossip, Andrea Iannone si sarebbe rifatto una vita. Non ci sono molte informazioni al riguardo ma i due sarebbero stati pizzicati dal settimanale Chi.

Gaia Maria Miracapillo, chi è la fidanzata di Andrea Iannone

Gaia MAria Miracapillo, sarebbe quindi la nuova fidanzata di Andrea Iannone e sembrerebbe che i due stiano vivendo una bellissima storia d'amore lontano dal gossip. Pare che i due stiano cercando di fare di tutto per non farsi vedere insieme e pare che vogliano tenersi lontani da occhi indiscreti. Nemmeno durante la sua partecipazione a Ballando con le stelle è venuta fuori la verità. Tutto sarebbe dovuto al fatto che la giovane non vorrebbe finire al centro del gossip e vorrebbe restare lontana dai riflettori. Non si sa effettivamente da quando questa storia d'amore va vanti, visto che Andrea e la fidanzata avrebbero deciso di fare di tutto per nascondere questa storia. Riusciranno nel loro intento?

Andrea Iannone (Vasto, 9 agosto 1989)è un pilota motociclistico italiano, senza squadra dalla fine del 2019, che ha corso con un'Aprilia nella classe MotoGP.

Andrea ha iniziato a distinguersi come un buon pilota nei campionati italiano e spagnolo. Nel 2005 è stato il suo primo ingaggio per Aprilia, per giocare l'intera stagione. L'anno seguente si fratturò due vertebre che condizionarono tutta la sua stagione. È stato nel 2008 al GP di Cina che ha ottenuto la sua prima vittoria da professionista.

Stagione 2009

Nel 2009 ha iniziato in modo spettacolare, con due vittorie consecutive,1che lo misero a capo del campionato e serio contendente al titolo, ma la sua inesperienza e la sua irregolarità lo relegarono alla settima posizione del campionato a fine stagione. In questo stesso anno ci fu uno degli incidenti più significativi della sua carriera sportiva; Al Gran Premio di San Marino dopo aver abbattuto Pol Espargaró all'ultima curva (che era il primo dopo aver scalato 13 posizioni), c'è stato un alterco tra di loro, dove Espargaró ha colpito e rotto la cupola della moto di Iannone. Ha reagito dando un colpo di testa a Espargaró con il casco addosso. Successivamente, il pilota italiano ha detto alla stampa: "Non l'ho toccato perché sono disgustato. Gli spagnoli sono così, lui voleva vincere e anche io. Sono disgustato di averlo buttato via, perché non l'ho fatto apposta. Se mi fossi accontentato del secondo non sarebbe successo, ma volevo vincere". Per questo evento, Iannone è stato sanzionato con 5.000 dollari. L'italiano è stato aspramente criticato dai media e ha causato la perdita di alcuni sponsor. Nella gara successiva (a Estoril) Iannone si scusò con Espargaró.

CategoriaMoto2

Stagione 2010

Nella stagione 2010, Andrea Iannone ha corso nella nuova classe Moto2. Quest'anno firma per il team Aprilia dove condividerà la squadra con Gabor Talmacsi. Dopo un inizio lento, ha ottenuto vittorie al Mugello e ad Assen. È stato sanzionato a Barcellona, quando ha ricevuto una penalità per aver sorpassato Yuki Takahashi in condizioni di bandiera gialla. Ha poi continuato a vincere di nuovo al Motorland Aragon, una pista che era nuova nel calendario MotoGP nel 2010. È arrivato terzo nel Campionato del Mondo, ottenendo 3 vittorie e 5 podi.

Stagione 2011

Nel 2011 Iannone ha firmato per lo Speed Master Team, di cui suo padre è socio, è stato l'unico pilota del team. La stagione si è conclusa per l'italiano come terzo classificato nel campionato del mondo Moto2 dopo aver battuto Alex de Angelis nell'ultima gara della stagione (a Valencia) dietro Stefan Bradl e Marc Márquez ottenendo 3 vittorie e 6 podi.

Stagione 2012

Nella stagione 2012 ha continuato con lo stesso team (Speed Master Team) e ha terminato la sua stagione in Moto2 finendo terzo nel Campionato del Mondo, dietro Marc Márquez e Pol Espargaró. A settembre di quest'anno ha annunciato che per la prossima stagione correrà in MotoGP con una Ducati Pramac e sarà compagno di squadra dell'americano Ben Spies.

Categoria MotoGP

Stagione 2013

Andrea inizia la stagione in Qatar finendo 9°, e nel nuovo circuito di "Las Americas" (Austin) ha optato per il 10° posto. In questa fase della stagione, l'italiano aveva molti disturbi all'avambraccio destro, quindi non poteva provare troppo. Nella gara successiva, Jerez, è caduto nei primi giri e pochi giorni dopo è stato operato al braccio perché non riusciva a migliorarlo. A Le Mans ha concluso in 11a posizione facendo del suo meglio dato che era ancora dolorante per l'operazione. La gara successiva è stata il Mugello, ha avuto diversi problemi tecnici con la moto e ha finito per finire 13°. A Montmeló è stata una gara molto calda, l'asfalto aveva una temperatura molto alta e in gara, Andrea, è finito a terra nei primi giri. Poi c'è stata Assen, in Olanda, un circuito dove la Ducati non ha guidato affatto bene. Alla fine ha concluso in 13a posizione. Il Sachsenring era il prossimo e non poteva correre perché durante le prove del sabato è caduta e si è lussata la spalla. Inoltre non ha partecipato al Prossimo Gran Premio, Laguna Seca, perché aveva ancora una brutta spalla. Rimase quindi senza segnare punti in due gare consecutive. Dopo la pausa estiva, è arrivata Indianapolis, dove ha indossato un casco speciale realizzato da un fan. Ha finito in 11a posizione, aveva ancora disturbi alla spalla. A Brno, Silverstone e Motorland era nelle posizioni 9-11, e a Misano ha avuto un fallimento in gara ed è finito a terra. Alla fine della stagione 2013, non trova ancora "feeling" con la Ducati. Durante il tour asiatico; in Malesia non ha terminato la gara, in Australia ha ottenuto il suo miglior risultato dell'anno che è stato 8° e in Giappone ha avuto un fallimento al primo giro ed è andato fuori pista, anche così è riuscito a scalare alcune posizioni per partire e ha finito 14°. E nell'ultima gara della sua nuova stagione GP è caduto finendo gli ultimi giri della gara, quindi non ha segnato e ha finito in campionato in 12a posizione con 57 punti.

Stagione 2014

Inizia la stagione con un ottimo piede in Qatar con la sua Desmosedici che fa un ottimo allenamento e arriva anche ad essere primo nel Warm Up prima della gara, ma ha avuto la sfortuna di cadere nei primi giri. È stato in grado di continuare in pista e ha finito per salire per finire al 10 ° posto. Nella gara successiva al GP di Austin, ha avuto una grande partenza e per tutta la gara è stato in 3a posizione, ma le gomme negli ultimi giri non lo hanno trattenuto e ha finito in 7a posizione. In Argentina ha ottenuto il suo miglior risultato nella categoria regina, finendo 6° facendo un'ottima gara. Il prossimo carrerá è stato in Spagna, Jerez de la Frontera, in questo non è stato fortunato come nel precedente... è finito a terra a metà gara. A Le Mans, in Francia, è caduto anche in gara, e in Italia, Catalogna e Olanda ha ottenuto parecchie buone posizioni; un 7, un 9 e un 6 consecutivamente. Al Mugello, in Italia, ha indossato un casco speciale come era a "casa" come negli anni precedenti. A Indianapolis ha avuto la sfortuna di cadere in gara e non ha segnato. E nelle gare successive che furono Brno, Silverstone e Misano ottenne ottime posizioni; rispettivamente un 5°, un 8° e un 5° posto. A Misano è partito dalla prima fila in pole position, in seconda posizione, anche davanti a Valentino Rossi e Marc Marquez. Poi è arrivato il tour asiatico dove non ha avuto molta fortuna, in Giappone aveva 6 anni, ma in Australia ha dovuto ritirarsi a causa di una caduta dove ha fatto molti danni e non ha potuto correre nella gara successiva in Malesia. È tornato con energia per Valencia dove stava per fare la pole position, ma Valentino Rossi l'ha rubata negli ultimi istanti. Durante la gara non ha ottenuto ottimi risultati, nei primi giri si è posizionato per primo, ma ha avuto la pessima idea di cambiare la moto perché piovigginava e finiva ultimo. Ha terminato la stagione 10 ° in campionato con 102 punti.

Stagione 2015

Cambio di squadra in Ducati Ufficiale, lascia alle spalle i Desmosecidi e strappa il posto a Cal Crutchlow.

Nella sua prima gara è salito sul podio, finendo in terza posizione dietro Valentino Rossi e il suo compagno di squadra, Andrea Dovizioso.

Stagione 2017

Verso la fine della stagione 2016, è diventato un contratto del Team Suzuki Ecstar, essendo compagno di squadra della categoria alex Rins neopromosso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *