Non usare la candeggina contro la muffa: scopri l’ingrediente perfetto

0 Condivisioni

Esistono vari prodotti per contrastare la muffa, a seconda dell'entità del problema e del tipo di superficie coinvolta. La candeggina non è sempre la scelta migliore. Vuoi sapere il motivo?

Non elimina completamente la muffa, ma ne nasconde solo l'aspetto, quindi può ricrescere se non viene rimossa del tutto e se la causa del problema non viene risolta. Inoltre, l'inalazione di candeggina può danneggiare la salute e provocare irritazioni alla pelle e agli occhi.

Alcune muffe, come la muffa nera (Stachybotrys chartarum), sono resistenti alla candeggina e crescono in ambienti umidi e scarsamente ventilati.

È fondamentale individuare la causa della muffa e affrontarla alla radice piuttosto che affidarsi solo a soluzioni temporanee come la candeggina. Esistono alternative più sicure ed efficaci, come l'acido citrico, il perossido di idrogeno o l'olio essenziale di tea tree.

Leggi anche:  "Cancro al cervello". Per i medici ha 2 mesi, ma Amelia non si arrende: un miracolo

L'ingrediente segreto per contrastare la muffa senza candeggina

Abbiamo menzionato un ingrediente segreto per combattere la muffa, ma ce ne sono ben tre, eccoli:

Acido citrico: è un acido organico utilizzabile per rimuovere la muffa da superfici dure come le piastrelle. Mescola 2 cucchiai di acido citrico in 1 litro di acqua calda e spruzza la soluzione. Lascia agire per 30 minuti, poi risciacqua con acqua pulita.
Perossido di idrogeno: è un disinfettante efficace e sicuro per rimuovere la muffa. Mescola 3 parti di acqua con 1 parte di perossido di idrogeno al 3%. Spruzza la soluzione sulle aree interessate e lasciala agire per almeno 10 minuti. Risciacqua con acqua pulita.
Olio essenziale di tea tree: noto per le sue proprietà antibatteriche e antifungine, può essere utilizzato per contrastare la muffa. Mescola 1 cucchiaio di olio essenziale di tea tree con 1 tazza di acqua e spruzza la soluzione sulla zona interessata. Lascia agire per almeno 30 minuti, poi risciacqua con acqua pulita.
In ogni caso, quando si lavora con la muffa, è importante indossare guanti e mascherina per proteggersi. Inoltre, è essenziale identificare e risolvere la causa alla base del problema della muffa per prevenirne la ricomparsa.

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *