Antonio Catricalà chi è, età, carriera, suicidio, moglie, figli e vita privata

Purtroppo Antonio Catricalà si è suicidato nella sua abitazione di Roma, dove risiedeva il quartiere Parioli. Attualmente la polizia scientifica sta facendo tutti i rilievi del caso nell’appartamento per cercare di ricostruire l’intera dinamica del suicidio.
Antonio Catricalà ricopriva molti ruoli, è stato un eccellente avvocato, magistrato e dirigente pubblico nonché politico italiano. Era nato a Catanzaro 7 febbraio del 52. La sua carriera e di altissimo prestigio, avvocato nella Cassazione, magistrato del Consiglio di Stato della Repubblica Italiana.
Successivamente ha ricoperto anche il ruolo di presidente dell’autorità garante della concorrenza e del mercato, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Antonio Catricalà era docente di diritto privato all’Università Unipegaso e professore a contratto di Diritto dei consumatori all’Università Luiss di Roma.

Da aprile 2017 era presidente di Adr Aeroporti di Roma (socio Igi). Quanto alla sue precedente esperienza di governo, Catricalà era stato sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri nel 2011-2013 nel governo Monti e viceministro allo Sviluppo economico nel 2013-2014 nel governo Letta.

Un minuto di silenzio in Senato

La presidente del Senato Casellati ha annunciato all’Aula la notizia della morte di Antonio Catricalà che, ha ricordato, «ha rivestito ruoli istituzionali molto importanti». Su suo invito, l’Aula ha osservato un minuto di silenzio. Casellati ha espresso a nome suo personale e dell’Assemblea il cordoglio e la vicinanza alla famiglia.

Leggi anche:  “Non è stato il papà a fare fuoco…”. Viola, morta a 15 anni da un colpo di fucile. La terribile verità viene a galla

Roma La scomparsa di Antonio Catricalà, un lungo curriculum da «civil servant», che ieri mattina si è tolto la vita in casa propria, ha colto di sorpresa il mondo delle istituzioni di cui faceva parte, e non solo. La moglie ha riferito alla polizia che da qualche settimana era preoccupato per via di un problema cardiaco per il quale era sotto osservazione medica. Uno stato d’ansia che potrebbe essere alla base del gesto del marito. L’avvocato e magistrato, 69 anni, è stato trovato senza vita poco dopo le nove di ieri mattina, proprio dalla moglie, sul terrazzo di casa, al primo piano di un palazzo di via Antonio Bertoloni, ai Parioli: Diana Agosti ha raccontato di aver udito un colpo e di essere uscita.

Per Catricalà non c’era più nulla da fare, nonostante l’intervento di un medico del 118. Sul posto gli agenti della Squadra mobile diretti da Luigi Silipo che hanno recuperato, con la Scientifica, la pistola, un revolver Smith&Wesson calibro 38, regolarmente detenuta. La Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti per istigazione al suicidio, un «atto dovuto» in attesa dei risultati dell’autopsia, che consente anche di indagare a tutto campo. La polizia, con la quale ieri hanno collaborato anche i Vigili del fuoco durante il sopralluogo nel palazzo, avrebbe acquisito alcuni documenti nello studio dell’avvocato per capire le ragioni del tragico gesto, visto che non avrebbe lasciato messaggi o biglietti d’addio. Sei anni fa, sempre a febbraio, la polizia sventò un furto nella sua abitazione, da dove fuggirono tre uomini incappucciati.

Leggi anche:  A Vite al Limite pesava 305 kg ma oggi è irriconoscibile: com’è diventata Tiffany

Catricalà era nato 69 anni fa a Catanzaro. Allievo di Pietro Rescigno, a ventidue anni si era laureato con lode in giurisprudenza a Roma ed era statyo nominalo assegnista universitario all’Università La Sapienza, facoltà di Giurisprudenza. Per due anni aveva studiato economia, sociologia, storia e scienza dell’amministrazione con Federico Caffè. Abilitatosi alla professione forense, a ventiquattro anni inizia la carriera in magistratura che lo porterà a superare i concorsi pubblici per procuratore dello Stato, avvocato dello Stato (a 27 anni) e infine consigliere di Stato.

Un ragazzo cresciuto in fretta, che del fanciullo ha sempre conservato una passione per i soldatini, di cui aveva raccolto oltre 350 pezzi. La svolta pubblica della sua carriera arriva nel 2005 quando viene nominato dal governo Berlusconi presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, incarico che ricoprirà fino al novembre 2011, quando diventa sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri del governo Monti, che lo vuole accanto nel- l’intraprendere una breve stagione di liberalizzazioni.

Leggi anche:  “Addio, Filippo”. Si accascia a terra mentre fa jogging: morto a 37 anni

Al governo resterà anche col premier Enrico Letta che gli conferirà, nel maggio 2013, il ruolo di viceministro allo Sviluppo Economico. Un anno dopo viene candidalo dal centrodestra alla carica di giudice della Corte costituzionale. Ma nella gara qualcosa s’inceppa: mezza Forza Italia alla prima votazione non vota per lui e Catricalà sarà costretto a ritirare la propria candidatura. Forse questo è il punto di rottura più doloroso per questo uomo di Stato, che infatti, pochi mesi dopo, dà le dimissioni da presidente di Sezione del Consiglio di Stato per riprendere la carriera di avvocato, fondando la sua Law Academy. Nel 2017 diventa presidente di Adr Aeroporti di Roma e, pochi giorni fa, era stato nominato alla guida dell’Istituto Grandi Infrastrutture. «Per il domani, continuo a immaginarmi dietro alla scrivania a studiare strategie, possibilmente vincenti, per i miei clienti» aveva detto in una delle più recenti interviste. Lascia la moglie e due figlie.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 Newsitaliane - WordPress Theme by WPEnjoy