4 consigli per veganizzare il tuo guardaroba

Non mancano ragioni etiche, estetiche e sostenibili per scommettere su abbigliamento e accessori vegani e smettere di acquistare capi la cui manifattura ha utilizzato ingredienti o materiali di origine animale. Ma quando si tratta di veganizzare il tuo guardaroba, è anche importante che tu possa farlo in modo rispettoso del pianeta e senza nuocere alla tua salute .

Hai sempre più opzioni che combinano tutti questi due aspetti, anche se non tutto dipende dai marchi. Ci sono anche cose che dipendono da te . Pertanto, quando ti attrezzerai, dovresti tenere a mente alcune domande:

1. Cosa fare con l’abbigliamento non vegano?

Avendo deciso di smettere di acquistare capi non vegani (lana, seta, pelle, ecc.), Resta da considerare cosa fare con quanto già acquistato . Ti raccomando:

  • Non gettare metà dell’armadio dalla finestra, ma pensa se indosserai quei vestiti fino alla fine della loro vita utile. O se hai intenzione di donare, vendere, regalare, scambiare, ecc.
  • A causa delle risorse già utilizzate nella sua fabbricazione (materiali, manodopera, acqua, energia, ecc.), La cosa più responsabile e sostenibile sarebbe utilizzarlo fino alla fine, o che altre persone ne traggano vantaggio se sono in buone condizioni.
  • Puoi anche optare per un periodo di transizione , utilizzando abiti vegani e altri che non lo sono. Sebbene ogni processo sia diverso, farlo progressivamente, alla velocità consentita dalle tue circostanze, ti aiuta a riflettere .
  • Se gli indumenti sono inutilizzabili, è preferibile depositarli in contenitori legali per indumenti, prima che finiscano nel bidone della spazzatura e, di conseguenza, in discarica. Perché? Perché quando si degradano emettono nell’atmosfera e nel suolo più sostanze che residui vegetali, a causa delle finiture (processi chimici, tinture, sbiancamenti, ecc.) Che attraversano i tessuti.

2. Consumare poco e bene: meno è meglio

Dal 2000 al 2015, la produzione di abbigliamento è raddoppiata nel mondo, superando i 100 miliardi di capi all’anno (1). Oggi il cittadino medio acquista il 60% in più di vestiti rispetto a 15 anni fa (2).

Allo stesso tempo, il suo utilizzo è stato ridotto: oltre il 30% degli abiti che popolano i guardaroba europei non è stato utilizzato da almeno un anno (3).

A livello globale, i clienti perdono un valore di 460 miliardi di dollari all’anno smaltendo gli indumenti che potrebbero continuare a indossare (4). E si stima che alcuni indumenti vengano gettati via dopo appena sette o dieci utilizzi . Né il pallone, né le nostre tasche, hanno bisogno di noi per rinnovare costantemente il contenuto del guardaroba, ma per acquistare ciò che è veramente necessario, che siamo vegani o meno.

Ecco quindi alcune idee e risorse per consumare di meno e meglio:

  • In questa directory vegan-friendly di Cuerpomente ci sono alcune proposte di marchi sostenibili e negozi di moda adatti ai vegani.
  • Anche l’usato, il vintage, lo scambio di vestiti, ecc. Sono considerati moda sostenibile . E può essere adatto a vegani e vegani, se si scelgono solo indumenti realizzati con materiali vegetali.
  • Locali artigiani, imprese o creatori, con piccole produzioni o serie limitata (con un impatto molto meno di grandi multinazionali) possono essere considerati allineati con la moda sostenibile, generando occupazione, tessuto produttivo e commerciale nei territori; oltre a mantenere, molte volte, tecniche, saperi ancestrali e mestieri tessili. Molti artigiani lavorano spesso con fibre vegetali locali, quindi sarebbero adatte al consumo vegano.

3. Dare priorità ai materiali di origine vegetale

Scegli, se possibile, fibre vegetali da colture sostenibili . Ce ne sono una varietà: cotone biologico, Tencel, lino biologico ..

Il certificato GOTS è solitamente molto comune per la fibra organica. Come l’ Ecolabel , un sigillo che misura gli aspetti socio-ambientali.

L’ acrilico e il sintetico derivano dal petrolio, risorsa naturale ma non rinnovabile. Se estraiamo tutte le sue riserve in superficie (insieme alle altre energie fossili, come gas e carbone), la vita sulla terra diventerà impraticabile, come avverte la comunità scientifica.

Inoltre, il petrolio è formato dalla trasformazione di zooplancton marino (di origine animale) e fitoplancton (alghe) depositati sul fondo del mare, durante il nostro passato geologico, sotto strati di sedimenti. Con il quale potremmo persino chiederci fino a che punto è suscettibile di essere vegano …

Il poliestere , ad esempio, è il polietileneo tereftalato, cioè il PET, lo stesso materiale delle bottiglie di plastica. Questo tipo di tessuto rilascia microplastiche nei lavaggi che finiscono nei mari contaminando specie vegetali e animali.

4. Fibre sintetiche riciclate

Le fibre sintetiche acriliche o riciclate sono considerate fibre sostenibili, dal momento che non impiegano più materiali nuovi per abiti nuovi, ma esistenti e riutilizzati. Ma tieni presente alcuni consigli:

  • È consigliabile che siano stati sottoposti a processi di ottimizzazione chimica (o neutralizzazione) al fine di non contenere sostanze potenzialmente dannose per la salute (o l’ambiente) dai materiali precedenti, o da additivi aggiunti.
  • Il certificato Oeko-Tex garantisce che i prodotti tessili che li portano sono stati analizzati per sostanze nocive per la salute .
  • Ci sono anche vari timbri che informano se i capi sono adatti ai vegani come PETA Approved Vegan o V-Label .
  • Andare in negozi specializzati e fare domande aiuta nella scelta, oltre ad essere un ottimo apprendimento sui processi che i capi attraversano fino a raggiungere le nostre mani.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 Newsitaliane - WordPress Theme by WPEnjoy