Sharon Stone parla dei suoi giorni in quarantena, accompagnata dai suoi figli

di | Maggio 16, 2021

Dopo aver iniziato una carriera come modella ingaggiata dall'agenzia Ford, Sharon Stone (62 anni) è finalmente diventata famosa nel mondo del cinema grazie al regista Paul Verhoeven in "Il vendicatore del futuro" ("Richiamo totale", 1990) .

Nel 1992 ha fatto parte di "Low instincts" ("Basic instinct"), dove è stato anche diretto dal regista olandese, e da lì l'attrice ha coltivato una lunga carriera e quest'anno ha anche pubblicato il suo libro "The beauty of living ".

Ha divorziato due volte e attualmente vive con i suoi figli Laird e Quinn, che ha adottato rispettivamente nel 2005 e nel 2006. L'altro suo figlio, Roan, che ha adottato con il suo secondo marito, Phil Bronstein, è stato lasciato sotto la custodia di suo padre.

Dagli Stati Uniti, Stone racconta come ha vissuto queste settimane riguardo al Covid-19. -Al momento sono sul balcone della mia camera da letto a casa mia a Los Angeles (l'attrice ha vissuto a San Francisco, fino a quando non si è trasferita nella sua casa di West Hollywood, che apparteneva all'attore Montgomery Clift). Los Angeles è bella, ogni giorno più bella perché ormai non circoliamo con i nostri veicoli e inquiniamo.

Leggi anche:  Stefano De Martino ricorda Belen in un momento particolare

Le mie rose stanno sbocciando, il che mi rende felice, i miei figli stanno sbocciando, il che è piuttosto interessante. Fanno molto bene con le loro classi virtuali. Stanno aspettando i tuoi appunti e vanno molto d'accordo tra loro. Per noi questa è stata un'ottima esperienza familiare. Ovviamente abbiamo avuto giorni difficili, ma abbiamo anche giorni difficili senza quarantena. -Sei preoccupato per quello che sta succedendo?

Durante questa crisi ho avuto momenti in cui ho pianto per due o tre giorni. Mi ha aiutato a riconoscere il dolore, la perdita, ad accettare questi sentimenti. Forse permettermi di non scappare da tutto questo fuoco, da tutto quel caos, da tutti questi cambiamenti, da ciò che finisce e dal passaggio alla fase successiva.

Leggi anche:  Quali sono le prossime serie di Can Yaman

Era come essere colpito forte allo stomaco. -Hai perso qualcuno vicino? -A Betty Williams, una cara amica. Quando ha avuto la polmonite, è andato in ospedale ed è morto. E anche mia nonna adottiva che è stata ricoverata in ospedale per setticemia e coronavirus, e dopo pochi giorni è deceduta (è visibilmente commossa). -Ti senti frustrato con alcune delle dichiarazioni di alcuni politici e autorità? -Mi sono dato il permesso di uscire sul mio balcone e urlare come se mi stessero ammazzando.

Esco e urlo a squarciagola. E la cosa più fantastica è che i miei vicini sembrano capirlo completamente. Nessuno pensa che sia una cosa strana quando urlo, urlo e urlo. E poi entro e sbatto la testa contro il cuscino o sbatto sul cuscino per tornare finalmente al mio lavoro, hahaha.

In questa crisi globale ho bisogno di sentire più compassione, più umorismo, più tenerezza, più considerazione e più comprensione. -Abbiamo sentito che hai scritto un libro. -L'ho finito di recente. "La bellezza di vivere", in vendita a fine marzo, è dedicata a mia madre. Ho iniziato a scriverlo molto tempo fa e nel frattempo ho scritto diversi racconti che sono stati pubblicati su "Esquire", "Atlantic" e "Harper's Bazaar".

Leggi anche:  La storia vera di Carlo Verdone: chi è, età, carriera, vita privata, chi è l’ex moglie, figli, sorella, film

Quando ho partecipato alla fiera del libro di Nantucket ho incontrato una donna responsabile dell'evento, a cui è piaciuto il mio lavoro. Mi ha suggerito di mettere insieme alcune delle storie e di scrivere un libro e l'ho ascoltato. -Cosa ti manca di più in questi giorni di vita normale? -Questa è la mia vita normale. Non posso uscire di casa senza essere seguito dai paparazzi o da altre persone, quindi non esco quasi mai. Ma anche così, ci sono alcuni posti in cui vorrei andare, visitare un'amica o invitarla qui. -Apparentemente è addestrata a vivere in isolamento… -Sì, ho vissuto come un eremita negli ultimi 20 anni..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *