Sergio Muniz: chi è, età, quando è nato, moglie, compagna, figli e carriera

Lei ha lasciato Basauri per l’Italia quando aveva solo 20 anni. Cosa l’ha spinta ad andarsene? Ho iniziato a lavorare a Mercabilbao quando avevo poco più di 16 anni. Qualsiasi altra opzione era buona. All’età di 19 anni, avevo già iniziato a fare un po ‘di lavoro come modella e ho stimolato a continuare in quel lavoro in modo serio. E uno dei posti dove potevo intraprendere al meglio questa gara era Milano.

Nei tuoi primi anni in Italia, hai lavorato come modella e sei diventata famosa anche grazie a un reality show. Come ricordi quel palcoscenico? Ho lavorato principalmente come modella fino al 2004, anno in cui ho partecipato e sono stata la vincitrice del programma Italian Survivors. I primi due anni cercando di sopravvivere come modella non sono stati facili. Già il terzo anno ho iniziato a lavorare molto meglio ottenendo molte campagne, sfilate e soprattutto molte pubblicità in televisione. Tra i clienti per cui ho lavorato ci sono: Armani, Crizia, Ferré, Claude Montana, Banana Republic, L’intant de Garlene Perfume Campaign, Yves Saint Laurent Manifesto Perfume Campaign e molti altri.

Leggi anche:  Lutto per Pamela Prati, è morto il nipote: “Siamo devastati, mia sorella vivrà a stento senza di te”

Come attore hai lavorato in teatro e al cinema. Quali ruoli ti hanno segnato nel corso della tua carriera? Sicuramente uno dei più indimenticabili è stato il film ‘Los Borgia’, del regista Antonio Hernández. In teatro, probabilmente il blockbuster del musical ‘Mamma Mia’ in Italia, che ha battuto tutti i record al botteghino. In questo musical ha interpretato Henry, il ruolo interpretato da Colin Firth nel film. Anche se in realtà tutto il lavoro che faccio mi ha lasciato qualcosa, e mi hanno aiutato a continuare a crescere come attore. Non me ne pento nessuno.

Hai anche lavorato molto in televisione. Cosa ti piace di più di questo mezzo? Ho lavorato in televisione come attore realizzando film e teleserie e come presentatore, anche in Spagna nel programma di La Sexta ‘El traidor’ qualche anno fa. La televisione è un mezzo molto potente, spesso abusato. In realtà lo tratto con una pinzetta, è un buon mezzo di promozione, e di tanto in tanto si verifica bene. Penso che la stragrande maggioranza degli spettacoli televisivi e dei film siano di qualità inferiore al cinema o al teatro, specialmente per un attore. Come mi piace dire: il teatro è quello dell’attore, del regista e della televisione del produttore. Quindi come attore ottengo di più dal teatro.

Leggi anche:  Caparezza lascia tutti senza parole: «Sono malato, faccio gli ultimi 20 concerti e smetto»
sergio muñiz basauritarra

In Italia sei considerato una star. Come porti la fama? In realtà cerco di evitarlo. Vivo in un piccolo paese della Liguria con meno di 500 abitanti. Un posto molto tranquillo dove tutti mi conoscono. All’inizio la fama è abbastanza invalidante, dopo alcuni anni inizi a sapere come trattarla. Ma basta uscire meno in televisione e tutto torna al suo corso. Se ci si ammala di fama e la si cerca a tutti i costi e si cerca di mantenerla sempre in piedi, si diventa vittima. La fama va ricercata attraverso il merito. Anche se so che la realtà è diversa.

Vivi a Milano da 25 anni. Cosa ti ha portato fuori da quella città? In realtà Milano nel 1995 non era una città molto carina. È migliorato enormemente nel corso degli anni. Proprio come Bilbao, che non è la stessa che ho lasciato quando sono venuto a vivere qui. Milano è una città piena di opportunità, che accetta lo straniero, soprattutto se gli serve. È probabilmente la città più europea d’Italia e sicuramente la capitale economica. In quegli anni era una delle capitali della moda, quindi è stato più di ogni altra cosa che mi ha fatto rimanere a Milano.

Leggi anche:  Sandra Milo: «I 20enni mi scrivono che vorrebbero stare con me

Cerchi di tornare spesso a Basauri? Almeno quattro volte all’anno vengo a salutare la famiglia. Vorrei sempre rimanere un po’ più a lungo ma non è sempre possibile.

sergio muñiz attore basauritarra

Cosa ti manca di più di Basauri? Mi manca Basauri soprattutto la mia famiglia; mia madre e i miei fratelli che vivono ancora lì. Mi manca essere circondato da persone e luoghi con cui sono cresciuto, mi manca uscire per un drink e mangiare dei pintxos in un bar, le feste basauri e soprattutto la frittata di patate di mia madre.

Hai recentemente pubblicato diversi singoli e stai preparando un nuovo progetto musicale. Sì, con la musica mi diverto. Ho diversi progetti musicali a cui sto lavorando, ma poiché non è la mia attività principale la prendo con molta calma. L’ultimo progetto a cui sto lavorando è un EP di canzoni mescolate con mantra in sanscrito. Detto questo, sembra una cosa strana, ma è solo una fusione interessante. Vedremo cosa ne uscirà.

Quali altri progetti avete nel breve-medio termine? Nei prossimi mesi dovrò promuovere due film a cui ho lavorato l’anno scorso e che usciranno qui in Italia. Sto assumendo i prossimi tour teatrali per la fine del 2020 e l’inizio del 2021 e nel mezzo sto scrivendo un progetto teatrale tutto mio.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© 2022 Newsitaliane -