Michael Schumacher, il ricordo che Jean Todt non dimenticherà mai

di | Gennaio 9, 2022

Tra Michael Schumacher e Jean Todt, ex dirigente del team Ferrari e presidente della Fédération Internationale de l'Automobile, è una grande storia di amicizia oltre ad essere stata un amore professionale a prima vista.

L'ex pilota nella combinazione rossa ha fatto sognare tutti sui circuiti quando è arrivato nei professionisti, con grande dispiacere di Ayrton Senna, il suo più grande rivale dell'epoca. Il giovanissimo pilota che era si era rapidamente affermato come uno dei valori sicuri su cui fare affidamento sul campo. Nel 2012, dopo diverse medaglie, premi e titoli mondiali vinti, Michael Schumacher ha appeso la ruota. Un anno dopo, è stato vittima diun grave incidente sciistico nella località di Méribel dove si trovava per le vacanze di fine anno. Da allora, il suo stato di salute ha continuato a sollevare interrogativi. Il recente documentario svelato su Netflix non ha fornito le risposte alle domande che molti fan si sono posti sin dal dramma. Sua moglie Corinna rimane vaga, come i figli della coppia il cui ragazzo Mick segue le orme del suo famoso padre. Solo un parente distilla informazioni su Michael Schumacher: il suo amico ed ex capo Jean Todt.

Leggi anche:  Michael Schumacher, la moglie rivela le ultime parole del pilota prima dell'incidente

"La Ferrari aspettava il titolo"

Se non si sofferma sui progressi dei progressi di Michael Schumacher, Jean Todt accetta comunque di impegnarsi nella lotta di ogni momento del suo ex puledro. Dieci mesi dopo la sua caduta, era già ottimista sul suo recupero: "Probabilmente non sarà in grado di guidare di nuovo una Formula 1. [...] Ma l'importante è che viva, che la sua famiglia sia con lui".

Da allora, Jean Todt è l'unico da cui i curiosi possono raccogliere informazioni. Lo scorso novembre, il presidente della FIA ha fatto nuove rivelazioni:  "Capisco perché la sua famiglia e i suoi amici lo stiano proteggendo perché dovremmo lasciarlo in pace. Michael sta combattendo, continua a lottare e possiamo solo sperare che le sue condizioni migliorino". Nelle colonne del Paris Match di questo giovedì 23 dicembre, Jean Todt ha ricordato un dettaglio della carriera di Michael Schumacher che non dimenticherà mai: "Quando è diventato campione del mondo, nel 2000, a Suzuka. Ecco perché siamo stati assunti in Ferrari, che aspettava il titolo da 21 anni". La ricompensa più bella che Michael le abbia mai dato in vita.

Leggi anche:  Il garage di Cristiano Ronaldo vale più di una Coppa del Mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *