Quanti soldi ha e per cosa li spende Carlo Ancelotti

di | Gennaio 12, 2022

Due giorni prima del suo 62° compleanno (il 10 giugno), Carlo Ancelotti (Carletto, come lo chiamano affettuosamente i suoi parenti) è già tornato nella sua amata Madrid: "Ho deciso di lasciare l'Everton FC per affrontare una nuova sfida con una squadra che è sempre nel mio cuore, il Real Madrid", ha detto sul suo profilo Instagram, con 5,6 milioni di follower. In esso si definisce con uno Spartan Allenatore -allenatore-. Niente di più, niente di meno.

Questo stato d'animo, pulito, sereno, diretto ha pesato molto nella sua scelta. Dopo la partenza di Zinedine Zidane, l'italiano, che a volte è stato soprannominato dalla stampa internazionale Il Padrino per l'autorità che trasmette senza clamore, ha già preso alcune decisioni: non vendere Gareth Bale o Marco Asensio e ascoltare, studiare, analizzare a fondo, guardare negli occhi giocatori e dirigenti...

Insomma, un'immersione totale nel club per trarre conclusioni da leader e pilotare la nave senza scuotere il polso. Nave con la quale, invece, ha raggiunto nel 2014 la decima Champions League del club –Carletto ha nel suo palmares tre Champions-.

Quanti soldi ha Carlo Ancelotti e come è riuscito ad accumulare quella fortuna

Nato a Reggiolo, piccolo borgo dell'Emilia Romagna di meno di 10.000 abitanti, figlio di contadini, in più di un'occasione si è vantato con i suoi giocatori di saper arare il campo, di fare il parmigiano o di realizzare i suoi sogni lavorando sodo.

Chi lo conosce spiega che questi vimini si traducono nella persona di integrità con valori che è, un ragazzo molto professionale e con una serietà che contrasta con le battute e la familiarità che ottiene nello spogliatoio con i suoi giocatori nei momenti di massima tensione.

Il terzino dell'Everton Lucas Digne ha detto di lui in questi giorni: "È un brav'uomo e sa come trasmettere i suoi messaggi con umorismo. Durante il COVID, ad esempio, non voleva che organizzassimo feste. Mi ha detto: 'Se andate a una festa, ragazzi, invitatemi, così vi terrò d'occhio'".

Carlo Ancelotti, uno dei pochi ex calciatori che può dire di aver vinto la Champions League da giocatore (al Milan) e da allenatore, ha guidato squadre di alto livello: Bayern Monaco, PSG, Chelsea, Milan, Juventus... Nella sua prima conferenza stampa sul suo ritorno al Real Madrid. Ha detto con umorismo: "Mi sono reso conto che i giornalisti sono sempre gli stessi, non sono cambiati. L'unica cosa che cambia al Real Madrid sono gli allenatori".

Leggi anche:  Can Yaman ha una nuova fidanzata, sta uscendo con Maria Giovanna Adamo?

E sebbene sia arrivato nella capitale con l'antecedente di uno stipendio di 13 milioni di euro all'anno (300.000 euro a settimana) e un patrimonio netto stimato di 54 milioni di euro – essendo uno degli allenatori meglio pagati del calcio europeo – lo stipendio annuale che riceverà per la gestione del Real Madrid, si sospetta, è molto più basso – alcuni lo stimano a poco più della metà dello stipendio dell'Inghilterra. Tutto per assicurarsi che ritorni nella squadra e nella città dei suoi sogni perché, a proposito, ama vivere nella capitale della Spagna.

Per cosa Spende i suoi soldi Carlo Ancelotti

Proprietà ben note (e molto sconosciute): lo spettacolare appartamento con vista sulla Puerta de Alcalá e il suo palazzo a Vancouver

La sua storia d'amore con la sua seconda moglie, Mariam Barrena (nata in Canada ma di genitori spagnoli) lo ha colto a Madrid gestendo per la prima volta la squadra in cui ritorna. Quella mitica estate del 2013 la coppia, lungi dall'allontanarsi dal centro e rifugiarsi in zone blindate alla stampa, decise di vivere il loro amore e goderselo nel cuore della capitale.

Vissero felici per anni nel famoso attico di 450 metri della Plaza de la Independencia,con vista sul Retiro e sulla Puerta de Alcalá, nella parte più alta dell'esclusivo edificio Millenium, alla confluenza di Via Serrano con la Puerta de Alcalá. Una comunità che gode di una piscina, palestra, spa, una sala riunioni e un'enorme terrazza da cui godere della vista spettacolare di questo luogo strategico.

Sebbene non si sappia quale sia stato il luogo scelto dalla coppia per risiedere durante queste tre stagioni (fino al 2024), viaggeranno per disconnettersi, come al solito in loro, in un'altra delle loro residenze ufficiali, la villa di North Vancouver.

In questa cittadina canadese sul lungomare, Angelotti si rilassa spesso, cucina e pesca il salmone. Poi, per il giorno per giorno, meglio Madrid: "È una capitale amichevole, dove non devi andare vestito elegante ovunque, dove le persone sono affettuose", ha detto l'allenatore in un'altra delle sue interviste. Anche se, sì, ha riconosciuto che l'anonimato è molto più facile a Londra, un'altra delle sue città preferite al mondo e dove studia la sua figliastra Chloé.

"Quello che mi piace di più sono le terrazze e il modo in cui le persone amano stare per strada. C'è un tempo fantastico e molta luce in questa città. Essendo cresciuto in una città con molta natura, la verità è che trascorro molto tempo a El Retiro ",ha detto sua moglie Mariann Barrena, in quella prima esperienza di vita a Madrid.

Leggi anche:  Ilona Staller insieme a Paolo Bonolis e Luca Laurenti ad Avanti un altro

Per godersi questa nuova bella vita, anche piena di piccoli dettagli, capricci e lussi, Mariann – che ha conseguito un MBA da Thunderbird da una prestigiosa università americana e un altro da Cass, una scuola di finanza londinese – abbandonerebbe la sua carriera di imprenditrice a Londra (si sono incontrati in un ristorante esclusivo). La vita che lo aspettava era molto più eccitante.

Mariann e Carlo viaggiano costantemente,s oggiornano in hotel esclusivi, visitano le migliori boutique italiane – è comune vederla o trovare la coppia che cammina lungo il Miglio d'Oro di Madrid facendo shopping – e sono stati visti ultimamente nella Città del Vaticano in visita o a Venezia – l'Italia, logicamente, si divertono molto.

Avere figli nel Mediterraneo: coprire le spese, sostenere progetti imprenditoriali, lavorare con papà...

Ancelotti ama la famiglia. Verso il Mediterraneo. Come? Bene, sopportando i tuoi figli – anche le loro spese e avventure – all'infinito e oltre. Con la sua prima moglie, luisa Gibelline, recentemente scomparsa, ebbe due figli: Katia (37) e Davide (31).

La più anziana, giornalista e imprenditrice nel mondo della moda, ha sede a Liverpool e ha appena aperto – con l'impulso del coach – un'azienda di abbigliamento, Debate Clothing, streetwear,abiti rilassati per questi momenti che viviamo. Suo marito, nutrizionista per squadre di calcio di alto livello, consiglia il Liverpool, anche grazie alle influenze del suocero.

L'altro figlio, Davide, è molto più vicino al padre, nello specifico fa parte della sua squadra. È il preparatore fisico che accompagna sempre l'allenatore ovunque vada dal suo periodo al Paris Saint Germain. E Choé, figlia del primo matrimonio di Mariann (26 anni), studia recitazione a Londra, al Tring Park Performing Arts di Londra, e va e viene da Londra a Madrid molto spesso.

La formula per il successo: il tuo metodo di lavoro calmo e calmo, in un libro

"Avevo sempre pensato che Carlo avesse una faccia tosta, sembra un uomo severo in tutte le sue foto, quindi quando l'ho incontrato la mia sorpresa è stata grande, perché non mi aspettavo che fosse una brava persona", ha spiegato Cristiano Ronaldo quando gli è stato chiesto della prima impressione che Carlo Ancelotti ha fatto su di lui.

Leggi anche:  Gerry Scotti: ecco svelato il vero motivo della rottura con l'ex moglie Patrizia Grosso

Ed è che l'allenatore non fallisce. Ti batte nelle brevi distanze. È un esperto nel domare l'ego. E, quando lo conosci, lo rispetti e lo ammiri in parti uguali. La tattica di Ancelotti nello spogliatoio, ha riconosciuto David Beckham, che ha giocato sotto di lui al Milan e al Paris Saint-Germain, è quella di "invitare alla calma". Crede che "i giocatori dovrebbero motivarsi".

Del suo metodo è stato persino scritto un libro: Quiet Leadership (Uranus Editions) in cui l'allenatore ha riassunto le chiavi per essere un buon leader: "Un capo deve gestire le aspettative del top per proteggersi dalle lamentele presidenziali a quelle sottostanti. Né dovremmo temere di delegare funzioni, perché nessuno è abbastanza bravo per fare tutto. È importante non cadere nel favoritismo: il business è il business". Detto e fatto. Ha aggiunto: "Il tipo di tranquillità di cui parlo è un punto di forza. C'è potere e autorità nell'essere calmi e misurati, nel dare fiducia e nel prendere decisioni freddamente, nell'usare influenza e persuasione e nell'essere professionali nei nostri approcci ", ha spiegato.

"Il mio approccio si basa sull'idea che un leader non dovrebbe avere bisogno di parlare, sbraitare o comandare con un pugno di ferro, ma che il suo potere dovrebbe essere compreso", aggiunge. "Senza giocatori non c'è gioco, proprio come senza persone e senza un prodotto non c'è transazione." Perché il più incoraggiante e l'asse del suo lavoro è lavorare con gli atleti, "prendersi cura di loro e aiutarli a svilupparsi e maturare, creare fiducia e lealtà, condividere successi e riprendersi insieme dalle delusioni".

Fumare al punto da doverlo combattere mangiando decine di gomme da masticare durante le partite o che un club, nello specifico il Bayern, ti proibisca in un comunicato ufficiale che non vuole che tu fumi di più all'interno delle strutture del club è da preoccuparsi. E lo fece. Si assunse le sue responsabilità e smise di fumare alle partite... anche se dicono che continua a lesinare per farlo.

Ma se c'è una cosa a cui non puoi resistere, è andare ben vestito. Abiti, abiti e altri abiti si accumulano nel tuo armadio. Scommetti sempre sulle camicie blu, nere o grigio scuro e sempre bianche. Uno stile corretto che emette il messaggio che Ancelotti vuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *