Quanti soldi ha e per cosa li spende Conor McGregor, Patrimonio e quanto guadagna

Pochi giorni prima di rivedere Conor McGregor nell'ottagono di Las Vegas davanti all'americano Dustin Poirier – il 10 luglio, alla T-Mobile Arena, con un tutto esaurito davanti a 20.000 tifosi – la notizia che l'irlandese è diventato l'atleta più pagato al mondo è la più commentata.

Questo è un punto di svolta per la sua fortuna che arriva con una certa perdita di ammirazione da parte dei suoi compagni di squadra UFC. La sensazione è che Il Notorius sia diventato sempre più "un ciarlatano", un "ragazzo che sa competere ma non è il campione". Un combattente che è sempre meno rispettato dai suoi stessi compagni di squadra: "un combattente regolare con un sacco di soldi, un sacco di rumore e riconoscimento", ma solo quello, ha commentato il campione dei pesi welter UFC, Kamaru Usman, e non è l'unico a pensarci.

Quanti soldi ha Conor McGregor?

Ed è che The Notorius è passato ad un altro livello: quello delle star dello sport che stanno compiendo anni e vedono come le loro attività parallele triplicano e quadruplicano le loro entrate sportive (vedi se non l'illustrazione che ha dedicato l'app @Voveraudio ai cinque atleti più pagati al mondo). In esso non c'era più l'ex sovrano, Roger Federer– il tennista era rimasto al primo posto per anni – ma essendo stato ritirato dalla competizione per un anno, a causa di infortuni, è stato superato dalla sinistra e dalla destra da altre fortune sportive che hanno finito per essere fatte con il podio.

L'assalto dell'irlandese al primo posto degli atleti d'élite più pagati del pianeta è stato dovuto principalmente a un colpo da maestro aziendale: la vendita di tutte le azioni del suo marchio di whisky Proper No. Dodici per 130 milioni di euro, che ha permesso alla sua fortuna di salire alle stelle ed è ora stimato in 147 milioni di euro.

Il nuovo proprietario del marchio di whisky è José Cuervo, la multinazionale delle bevande alcoliche con sede in Messico che da anni cerca l'acquisto totale di questo prodotto – di cui già possedeva quasi la metà delle quote. Un whisky di riconosciuto prestigio che il lottatore UFC ha reso popolare negli ultimi anni prima in Irlanda e negli Stati Uniti e poi nel Regno Unito, in Australia o in Canada.

Quale fortuna viene spesa per Conor McGregor

Addio alle donazioni in bottiglia al quartiere natale del combattente

È stato nel 2008 quando McGregor ha deciso di fondare Eire Born Spirits e iniziare a fare Proper No. Dodici, con il cui nome ha reso omaggio al quartiere natale di Crumlin, Dublino 12, dove è nato. E anche se all'inizio voleva chiamare il suo whisky Notorius, ha avuto problemi legali quando c'era un altro prodotto con lo stesso nome e alla fine ha optato per il nome del quartiere in cui aveva gettato i denti.

Fin dalle origini di questo whisky, il combattente UFC ha promesso di donare, attraverso la vendita di ciascuna delle bottiglie, 5 dollari a enti di beneficenza locali senza scopo di lucro, ottenendo per loro un milione di dollari ogni anno, donazioni che probabilmente ora non saranno più mantenute con il nuovo proprietario.

Al momento, questi problemi sono ancora nell'aria, così come il fatto che il combattente rimane o non è l'immagine di Proper No. Dodici nei prossimi mesi. Se così fosse, finirebbe per ricevere benefici succulenti da José Cuervo.

E mentre si parla e si specula su quanto spenderà la sua fortuna McGregor – all'ultimo combattimento, ad Abu Dhabi è arrivato sul suo yacht, condividendo foto a bordo per i suoi quasi 40 milioni di follower sui social network – si avvicina il giorno atteso per partecipare al terzo incontro di questi due combattenti nell'ottagono, The Notorius e The Diamond, che si svolgerà al T-Mobile di Las Vegas, che finalmente tornerà al 100% della capacità.

Il primo match tra i due lottatori è stato nel 2014, e l'irlandese è riuscito a conquistare la vittoria per KO al primo round. Nel gennaio 2021, nel secondo match, Poirier ha lasciato tutti perplessi quando è riuscito a sconfiggere McGregor per KO nel secondo round – il secondo KO di Conor McGregor durante tutta la sua carriera.

Il 10 luglio i volti si rivedranno dopo che il combattimento è stato in procinto di essere cancellato a causa di un disaccordo tra rivali e ripreso dal boss, Dana White, che non voleva che piccole storie personali togliessero la preminenza di un debutto del "ritorno alla normalità" dell'UFC in grande stile.

Il disaccordo avvenne perché Poirier definì McGregor un "abitante del villaggio consanguineo" perché l'irlandese non aveva fatto una donazione di $ 500.000 per la fondazione del suo rivale, e con il quale si era impegnato nel secondo combattimento. McGregor cercò di spiegare: "Una donazione, non un debito. Abbiamo aspettato i piani per i soldi e non sono mai arrivati. Lo faccio con tutte le mie donazioni: sapendo dove stanno andando, punto per punto".

Infine, ferito o approfittando dell'occasione per aggiungere benzina sul fuoco, si lasciò trasportare dal suo stile e mandò un messaggio a Poirier:"Pagherai con il cervello per questo tentativo di macchiare il mio nome. Piccola cagna, ho intenzione di prendere a calci il tuo guscio. Buona fortuna quando ti prendo. Sei fregato". Vedremo cosa succede e chi prende a calci chi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *