La vera storia degli Homo Sapiens: chi sono, carriera, canzoni e biografia

Gli Homo Sapiens sono un gruppo musicale italiano degli anni Settanta. La band, per molti anni, tutti uomini, si è formata nel 1966. Originariamente, al momento delle loro prime uscite pubbliche, dove godono sempre di un certo successo, il nome del gruppo è I Tarli.

Nel 1971, cambiarono il loro nome in Homo Sapiens. Il chitarrista è Rodolfo Maltese, in seguito membro del Banco del Mutuo Soccorso. In quel periodo collaborarono spesso con Herbert Pagani. Nel 1972 la formazione si stabilizza con l’ingresso di Maurizio Nuti.

Nel 1974 partecipano ad un album per l’estate con Oh Mary Lou, e nello stesso evento tornano decisamente con più successo nell’edizione successiva con Tornerai tornerò, semifinalista nelle notti di San Vicente.

Nel 1977 parteciparono al festival di Sanremo con il brano Bella da morire: proprio con questa canzone passeranno alla storia vincendo quel Festival. In questa edizione, l’Homo Sapiens aveva effettivamente sostituito Mal, che avrebbe dovuto esibirsi con la stessa canzone; questo non è accaduto a causa della canzone Fury che lo ha coinvolto in una serie di impegni professionali. Tra i suoi altri successi dell’epoca ricordiamo anche Pecos Bill e un’estate fa.

Leggi anche:  Angela Melillo: avete idea di chi sia il suo compagno, età, carriera, vita privata

Sciolti nel 1982 in seguito alla crisi della discografia italiana, si riunirono nel 1990 senza Robustiano “Roby” Pellegrini sostituito da due tastieristi (tra cui Corrado Lentinello) che suonarono fino al 2000 con il gruppo. In ogni caso, anche negli anni Ottanta pubblicano saltuariamente brani inediti come progetto prettamente discografico. Nel 2000 una donna, Simona Cerrai, entra a far parte della band per la prima volta come vocalist: vi rimarrà per due anni.

Dal 2000, la formula “30 anni in una notte” è stata proposta in esibizioni dal vivo, in cui l’ensemble ripercorre gli ultimi trent’anni di musica italiana e straniera, oltre ai propri successi. Nel 2005 hanno dovuto partecipare al Festival di Sanremo nella categoria “classica”, ma nell’ultima immersione non sono stati ammessi; quella canzone attualmente esclusa è proposta da Homo Sapiens nelle serate live.

Leggi anche:  La storia di Alba Parietti chi è Fabio il nuovo fidanzato? Età, lavoro, figli e vita privata

Nel 2006 il complesso, ancora molto attivo nel circuito dei concerti dal vivo, ha creato il “Parco della Musica” a Bientina (PI) in Toscana, un autentico parco musicale. Il 6 febbraio 2009 hanno partecipato alla gara di Ciak. e canta! , il programma musicale di Raiuno, in cui hanno proposto un video, realizzato per l’occasione, della loro famosa canzone Bella da morire. Nel 2012 pubblicano il loro nuovo singolo: Incancellabile (Nuti/Masi).

Nel 2017 Homo Sapiens celebra i 40 anni dalla vittoria del Festival di Sanremo con il brano Bella da morire e UK Music Editions pubblica un CD contenente tutti i loro più grandi successi. Etichetta Pinky Records e produzione di Edoardo Rinaldi, Cristina Donasoldi e Regno Unito Edizioni musicali Altopascio (Lucca).

Leggi anche:  Gerry Scotti con la riservatissima compagna Gabriella Perino e il figlio Edoardo

Il 4 maggio 2018, grazie ad una produzione di Marco Colavecchio, con il supporto di Pasquale Mammaro, esce una nuova versione di “Bella da morire”, cantata da Alex Baris, insieme a Homo Sapiens. Il brano, che si configura come una possibile frase estiva, è stato registrato tra Pisa presso lo “studio Cantuccio” e Cassino presso lo studio di Colavecchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.