Gigi D'Alessio ha speso una quantità incredibile di denaro per la nascita di suo figlio.

Il cantautore Gigi D'Alessio ha appena annunciato la nascita di suo figlio, e la notizia ha fatto il giro d'Italia e dei social media. Una bellissima notizia per questo melodico campano, così come per tutti i suoi fan che lo seguono con affetto. Ma avete idea di quanto abbia speso per partorire? Si tratta di una cifra incredibile, di cui vogliamo parlare ancora!

Gigi D'Alessio è diventato padre per la quinta volta! Per annunciare questo lieto evento, ha postato sui suoi social network. Infatti, ha accompagnato l'annuncio con una sua foto e ha spiegato che è nato suo figlio, il bambino che è nato da lui con Denise Esposito. Il piccolo si chiama Francesco, ed è nato lo scorso 24 gennaio a Napoli dopo una relazione di circa un anno con la sua compagna.

Leggi anche:  Chi la moglie di Sylvester Stallone e chi sono i suoi figli?

Per Gigi sono ora 5 figli in totale (se si includono le due gemelline!) E sembra che nemmeno si sia badato a spese per rendere le cose perfette per il nuovo figlio di Denise; almeno secondo quanto ha detto ai giornalisti quando l'hanno intervistata sul perché si è trasferita dalla loro casa condivisa circa 4 mesi fa: "Non potevo più sopportare che mio figlio condividesse lo spazio".

Il motivo è una voce che circola sul web secondo la quale Gigi D'Alessio avrebbe speso un'enorme quantità di denaro per avere il suo bambino - che, come ormai saprete, è avvenuto in una clinica. Oltre a spendere circa 1.500 euro solo per la clinica stessa - questo famoso cantante potrebbe facilmente permetterselo perché ha avuto la fortuna di poter provvedere a suo figlio!

Leggi anche:  La storia di Ron: è sposato? Ha una moglie? ha un compagno? Ha dei figli?

Il figlio di Gigi, Francesco D'Alessio ha un peso di 3240 kg ed è lungo 49,5 cm. Queste sono le prime informazioni sul nuovo bambino di Gigi che è nato oggi da lui e dalla sua compagna Denise Esposito! Sembra che Gigi non possa essere più felice per questa nascita che sembrava inevitabile ad un certo punto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.